• Dagospia

    UDITE, UDITE! – SECONDO UNO STUDIO TEDESCO UN’INIEZIONE NELLA GUANCIA CON UN ANESTETICO LOCALE POTREBBE AIUTARE A TRATTARE L’ACUFENE - LA LIDOCAINA, GIÀ AMPIAMENTE UTILIZZATA PER ANESTETIZZARE LE GENGIVE DURANTE GLI INTERVENTI AI DENTI, POTREBBE AIUTARE PARALIZZANDO ALCUNI NERVI DEL VISO CHE CAUSANO L'ACUFENE SOMATOSENSORIALE – I RICERCATORI AFFERMANO CHE LA GRAVITÀ DEI SINTOMI È DIMINUITA DI OLTRE UN TERZO NEI PAZIENTI TRATTATI CON IL FARMACO…


     
    Guarda la fotogallery

    DAGONEWS DA www.dailymail.co.uk

    iniezione guancia acufene iniezione guancia acufene

     

    Un'iniezione nella guancia con un anestetico locale potrebbe aiutare a trattare l'acufene. Il farmaco, la lidocaina, è già ampiamente utilizzata per anestetizzare le gengive durante   gli interventi chirurgici.

     

    Una ricerca dell'Università di Regensburg in Germania suggerisce che iniettare il farmaco in uno specifico fascio di nervi chiamato ganglio otico, appena sotto la superficie della guancia interna, potrebbe anche aiutare i pazienti affetti da acufene, interrompendo la trasmissione di suoni anomali al cervello.

    acufene acufene

     

    La forma più comune di acufene è quello temporaneo, che solitamente dura non più di poche ore, dopo aver assistito a un concerto ad alto volume o dopo aver avuto un raffreddore. Ma per circa una persona su 100, lo squillo è un problema a lungo termine, questo è particolarmente vero per gli over 60, poiché la condizione è spesso associata con la perdita dell'udito.

     

    L'acufene causato dall'esposizione a rumori forti o in seguito a infezioni alle orecchie si verifica quando le minuscole cellule ciliate, che aiutano a trasmettere i suoni al cervello, si stressano ed emettono quantità eccessive di glutammato.

     

    acufene 2 acufene 2

    Questo stimola eccessivamente e infine uccide le cellule nervose dell'orecchio interno, che normalmente inviano impulsi sonori alla corteccia uditiva, lasciando le cellule nervose nella corteccia uditiva in uno stato permanentemente acceso dove trasmettono costantemente il suono al cervello, portando i malati a "sentire" squilli o ronzii.

     

    A questo punto, l'acufene non è più causato dalle cellule dell'orecchio danneggiate, ma è radicato nel cervello stesso ed è più difficile da trattare. Viene spesso chiamato acufene fantasma e non ci sono farmaci per questo. I trattamenti per questa condizione includono la meditazione per alleviare lo stress o la terapia del suono, in cui i pazienti ascoltano musica o rumori di sottofondo per distrarli.

     

    acufene 3 acufene 3

    Ma un'altra forma, l'acufene somatosensoriale, deriva dal malfunzionamento dei nervi del viso e della colonna vertebrale coinvolti nel movimento del viso, nel tatto e nelle sensazioni di temperatura e dolore. Questi possono influenzare il sistema uditivo, causando l'acufene. Alcuni studi suggeriscono che l'acufene somatosensoriale rappresenta più della metà di tutti i casi. L’iniezione paralizzante ha lo scopo di trattare solo questo tipo.

     

    Gli scienziati hanno reclutato 19 pazienti con acufene somatosensoriale e valutato la gravità dei loro sintomi con un questionario. Ognuno di loro ha avuto tre iniezioni nell'arco di due settimane, sulla guancia dall'orecchio affetto o su entrambi i lati se entrambe le orecchie erano colpite.

    acufene 4 acufene 4

     

    I risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista Progress in Brain Research, hanno mostrato che la gravità dei sintomi è diminuita di oltre un terzo e i disturbi alla vita quotidiana causati dall'acufene si sono quasi dimezzati

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie