• Dagospia

    “TORNA IN MENTE LA FRASE DI DRAGHI SU ERDOGAN ‘DITTATORE DI CUI SI HA BISOGNO’. ORA IL PREMIER LO PROMUOVE A ‘PARTNER, AMICO E ALLEATO’” - TRAVAGLIO FA IL CONTROPELO A MARIOPIO E ALLA SUA VISITA IN TURCHIA: “DOPO LA SCENA VOMITEVOLE DELLE SUFFRAGETTE DI ERDOGAN CHE AD ANKARA STRINGONO MANI INSANGUINATE, FIRMANO AFFARI SULLA PELLE DEI CURDI E SE LA RIDONO ALLE LORO SPALLE, SI SPERA CHE LORSIGNORI NON OSERANNO MAI PIÙ TENERE LEZIONI SU AGGRESSORI E AGGREDITI, LIBERALDEMOCRAZIE E DITTATURE, INVII DI ARMI PER DIFENDERE I VALORI OCCIDENTALI. NON C'È ALCUN VALORE O PRINCIPIO: SOLO BIECHI INTERESSI GEOPOLITICI, STRATEGICI, MILITARI E AFFARISTICI”


     
    Guarda la fotogallery

    Marco Travaglio per il “Fatto quotidiano”

     

    Dopo la scena vomitevole di Draghi, Di Maio, Cingolani, Giorgetti, Guerini, Lamorgese e altre suffragette di Erdogan che ad Ankara stringono mani insanguinate, firmano affari sulla pelle dei curdi e se la ridono alle loro spalle, si spera che lorsignori non oseranno mai più tenere lezioni su aggressori e aggrediti, liberaldemocrazie e dittature, invii di armi per difendere i valori occidentali, il diritto internazionale, l'autodeterminazione dei popoli e altri capolavori di ipocrisia.

     

    mario draghi recep tayyip erdogan 2 mario draghi recep tayyip erdogan 2

    Come se non bastassero i casi di Assange e Khashoggi, due giornalisti liberi immolati sull'altare dell'Occidente (uno detenuto a Londra in attesa di ergastolo negli Usa, l'altro segato a pezzi nell'ambasciata saudita di Istanbul), ora l'indecorosa sfilata di mezzo governo italiano alla corte di Erdogan ha almeno il pregio di liberarci del ciarpame moralistico e tartufesco che avvolge la guerra dal 24 febbraio: non c'è alcun valore o principio né dietro l'aggressione di Putin all'Ucraina né dietro la cobelligeranza della Nato con Kiev.

     

    recep tayyip erdogan mario draghi 2 recep tayyip erdogan mario draghi 2

    Solo biechi interessi geopolitici, strategici, militari e affaristici. Punto. Non c'è nulla di etico neppure nel rinunciare al gas e al petrolio russi per rimpiazzarli con quelli turchi, egiziani, sauditi, emiratini e algerini: si passa solo da un tagliagole nemico a un tagliagole amico (almeno per ora). E non c'è nulla di etico nel sostituire il gas russo con quello (più costoso, scadente e inquinante) americano: solo i porci comodi degli Usa, che rifilano all'Europa le loro merci avariate, la allontanano dai mercati russo e cinese, la dissanguano con una lunga guerra per procura e la riasservono a sé in una Nato di nuovo americanocentrica.

    recep tayyip erdogan giancarlo giorgetti recep tayyip erdogan giancarlo giorgetti

     

    Torna in mente la frase di Draghi su Erdogan "dittatore di cui si ha bisogno". Ora il premier lo promuove a "partner, amico e alleato" e lo ringrazia della "calorosa e splendida ospitalità". Ma anche degli "sforzi per la pace tra Russia e Ucraina" (infatti le ha armate entrambe). Tornano pure in mente i falsi ringraziamenti ai peshmerga curdi per aver combattuto e sconfitto lo Stato Islamico al posto dell'Occidente che ora li tradisce col vergognoso patto Nato di Madrid: sblocco della vendita di armi alla Turchia (in barba alle sanzioni del 2019 dopo l'intervento militare anti-curdi nel Nord della Siria) e impegno di Svezia e Finlandia a scaricare i curdi trattandoli come terroristi.

     

    mario draghi recep tayyip erdogan mario draghi recep tayyip erdogan

    In realtà il peggior terrorismo è quello del regime turco che, violando il diritto internazionale, bombarda i curdi e usa miliziani jihadisti. Ma, se il terrorista è nostro "partner, amico e alleato", va ringraziato per la "calorosa ospitalità". E guai a nominare i curdi nella conferenza stampa: la calorosa ospitalità del partner, amico e alleato potrebbe tradursi in un caloroso bombardamento.

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie