• Dagospia

    CONFESSIONI DI UN GIGOLO’ – LA TELEFONATA DI MANUEL A “RADIO2”: “SONO APPENA STATO CON DUE DONNE OVER 66 MOLTO GRASSE. SONO STATO CONTATTATO DA UNA BELLA SIGNORA E NELL’APPARTAMENTO CE N’ERANO ALTRE DUE. ERANO BRUTTE MA SONO RIUSCITO A FARE IL MIO LAVORO. ERANO PRETENZIOSE, HANNO TIRATO FUORI UNA VALIGETTA CON TUTTI GLI ATTREZZI DEL MESTIERE E POI…”


     
    Guarda la fotogallery (V.M. 18)

    Da “i Lunatici – Radio2”

     

    gigolò gigolò

    Un gigolò ha telefonato nella notte a Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, I Lunatici, in diretta ogni notte su Rai Radio2.  Ha composto lo 063131 poco dopo le quattro.

     

    Il ragazzo, che ha detto di chiamarsi Manuel, ha dichiarato: "E' dura la vita del gigolò, poi quando sono due donne insieme, over 66, è ancora peggio. Sono stato contattato da una bella signora, una volta trovato nell'appartamento ce ne erano altre due. Erano orrende. Mai avuto donne così. Comunque alla fine sono riuscito a fare il mio lavoro.  Quella bella purtroppo se ne è andata. E' una esperienza che non auguro a nessuno, neanche ai miei colleghi".

     

    GIGOLO GIGOLO

    Il gigolò ha proseguito: "Erano pretenziose. Poi hanno tirato fuori una valigetta con tutti gli attrezzi del caso ma io gli ho detto che ero lì per dare, non per ricevere. Così hanno capito che era un rapporto normale. Il tutto è durato circa due o tre ore. Chi fa questo mestiere ha bisogno di un aiuto per avere e mantenere l'eccitazione. Io questa sera ho preso un aiuto. Stasera i soldi me li sono veramente sudati. Quando ti trovi in certe situazioni è obbligatorio prendere non la pillolina blù ma un gel derivante di quella famiglia lì che ti dà una mano".

     

    american gigolo american gigolo

    Sul target a cui si rivolge: "Avendo due figlie sui vent'anni, non riesco ad avere clienti giovanissime. Di solito lavoro con donne dai quaranta in su, spesso sono belle. Dicono di non volere impegnarsi, per questo chiamano un gigolò. Faccio questo mestiere da sempre. Ho iniziato a 23 anni, facevo sicurezza in un locale di Milano, una signora mi ha invitato ad andare in albergo con lei, mi ha dato trecentomila lire. Ho iniziato così, poi ho proseguito con le feste private. Sono diciassette anni che faccio il gigolò. Cosa dico alle mie figlie? Che faccio sicurezza nei locali. Solo un amico sa che faccio questo mestiere. Con questo lavoro vivo bene, pago l'appartamento alle mie figlie, che fanno l'università. E mi diverto, a parte stasera. E poi lo Stato non mi frega neanche un soldo".

    gigolo gigolo

     

    GIGOLO GIGOLO

    Sulla situazione più strana in cui sia mai capitato: "A parte quella di stasera, dove mi è toccato andare con due donne molto grasse, ma molto molto molto. Una volta mi è capitato di andare in una casa in cui il marito era nascosto dietro a una porta mentre io facevo sesso con la moglie. Spiava".

    GIGOLO GIGOLO GIGOLO GIGOLO

    Guarda la fotogallery (V.M. 18)
    ultime notizie