• Dagospia

    VACANZE DA INCUBO! - BOOM DI RICHIESTE DI RIMBORSO, NEGLI ULTIMI ANNI SONO AUMENTATE DELL’85% - MOTIVI: CATAPECCHIE VENDUTE COME FOSSERO RESORT A CINQUE STELLE, APPARTAMENTI PRIVATI SPORCHI, DISSERVIZI NEI VILLAGGI - LA CASSAZIONE HA STABILITO CHE IL RISARCIMENTO E' DOVUTO QUANDO...


     
    Guarda la fotogallery

    vacanze da incubo vacanze da incubo

    Claudia Osmetti per www.liberoquotidiano.it

     

    Doveva essere una settimana di relax (tutta spiaggia, sole e ombrellone) e invece è diventata un incubo. L' albergo che cade a pezzi, il volo in ritardo, in alcuni casi addirittura cancellato, e il cibo del buffet che non è solo insipido, è proprio immangiabile.

     

    Non fate spallucce pensando a quanto siano sfortunati gli altri perché qualche piccolo inghippo, dentro e fuori la reception, è capitato a tutti. Ché le foto su internet sono sempre più belle della realtà: prenoti il bungalow in riva al mare, convinto che passerai le ferie in un piccolo Eden esclusivo, e capiti in un capanno dove, magari, manca pure l' acqua calda.

    vacanze da incubo vacanze da incubo

     

    Solo che adesso, e per fortuna, anche i turisti più sprovveduti si sono fatti furbi: e quando il viaggio diventa un calvario passano alle vie legali. Assoturista - un ente che da dieci anni di lavoro fa proprio quello, si occupa di vacanze - stima che, in Italia, i rimborsi per i viaggi rovinati (estivi e non) negli ultimi sei anni siano aumentati dell' 85%. Per la precisione del 17% ogni dodici mesi. Catapecchia venduta come se fosse un resort a cinque stelle, addio.

     

    MOTIVI DI LAMENTELA Ne sa qualcosa Carlo che, due anni fa, in Kenia si è trovato in un villaggio bellissimo: peccato che si fossero dimenticati di dirgli che distava due chilometri dal primo centro abitato e si poteva raggiungere solo lungo una strada che in confronto le buche di Roma sono asfalto liscio. O Alex che, nel 2014, e proprio nella Capitale, si è ritrovato in un albergo con un bagno fatiscente, su un balconcino, con tanto di cavi elettrici che toccavano i piatto della doccia.

     

    vacanze da incubo vacanze da incubo

    O ancora Martina che, l' estate scorsa, è arrivata a Berlino e ha scoperto, dopo la corsa in taxi, che la camera debitamente già pagata non esisteva nemmeno. L' elenco potrebbe continuare all' infinito: il 49% dei viaggiatori imbufaliti lamenta disagi nella prenotazione tramite app, il 19% dichiara guerra all' agenzia che gli ha venduto un pacchetto fallato, il 22% ha vissuto qualche disservizio nelle strutture all-inclusive.

     

    Poi ci sono quelli fermi all' aeroporto che fissano il tabellone delle partenze e imprecano. Quelli che si ritrovano dall' altro capo del mondo senza valigia, quelli che subiscono un furto in albergo e quelli a cui viene addebitato un importo diverso (sempre gonfiato, s' intende) rispetto alla cifra precedentemente concordata.Ma quale week-end di riposo, in questi casi è il nervosismo a prendere il sopravvento.

    vacanze da incubo vacanze da incubo

     

    SOLDI INDIETRO Però tranquilli, se quest' anno il reclamo è toccato a voi (e speriamo di no), una soluzione c' è: lo ha recentemente messo nero su bianco la Cassazione. Quando la vacanza si discosta un po' troppo dai servizi sbandierati nei cataloghi in questione il risarcimento è dovuto, e non si tratta neanche di spicci. Per una settimana si possono (ri)portare a casa dai 300 ai 600 euro, spiegano le statistiche di Assoturista, e in generale il 30% dell' esborso è garantito. Non sarà una soddisfazione piena, ma è qualcosa.

     

    Sempre meglio che rientrare in città con un diavolo per capello e il portafoglio vuoto.

    aeroporto scioperi aeroporto scioperi

    Ma attenzione, bisogna provare che la vacanza di turno non è stata proprio un idillio. Il trucco sta tutto lì, il 67% dei ricorrenti scivola sulla documentazione fotografica: conviene immortalare non solo la passeggiata sul bagnasciuga ma anche il materasso bucato.

     

    Idem per le valigie: se la compagnia di viaggio non la riconsegna entro 21 giorni, si possono chiedere fino a 1.200 euro.

     

    Per quanto riguarda il fronte aereo, invece, fa sponda la normativa europea: eventuali scioperi, ritardi o condizioni meteo non ottimali possono fruttare anche 600 euro, ammesso che il preavviso sia risicato. Eppure - chiosa Assoturista - appena il 42% degli italiani alle prese con un disguido al gate presenta reclamo.

    aeroporto scioperi 1 aeroporto scioperi 1 vacanze da incubo vacanze da incubo aeroporto scioperi 2 aeroporto scioperi 2

     

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie