• Dagospia

    MILLENNIALS, SCANSATEVE! - ALL’ADVERTISING WEEK DI NEW YORK SI PUNTA TUTTO SULLA "GENERAZIONE Z", I NATI DOPO IL 1996 CHE ENTRO IL 2020 SARANNO IL 40% DEI CONSUMATORI - IL RAPPORTO: SONO I PRIMI “NATIVI SOCIAL”, LA CURVA PER ATTIRARE LA LORO ATTENZIONE È 8 SECONDI, E SI DISTINGUONO DAI LORO PREDECESSORI PERCHÉ SONO MENO INDIVIDUALISTI E PARLANO SEMPRE CON IL “NOI” – VIDEO


     
    Guarda la fotogallery

     

     

     

    generazione z 2 generazione z 2

     

    Carole Hallac per “la Stampa”

     

    Addio Millennials. All' Advertising Week di New York i riflettori sono puntati sui Gen Z, il gruppo demografico più influente del pianeta, e che entro il 2020, rappresenterà 2.56 miliardi di individui e conterà il 40% dei consumatori. Chi sono i Gen Z? Nati dopo il 1996, sono la prima generazione di «social natives», e usano in maniera istintiva e naturale i social media. Bombardati da continue informazioni, la curva per attirare la loro attenzione è di soli otto secondi, ma possono guardare Netflix per ore.

    centennials generazione z 3 centennials generazione z 3

     

    Passano di media nove ore al giorno davanti allo schermo, quattro di queste facendo diverse cose allo stesso tempo in quanto abilissimi al multitasking. Per loro, mondo virtuale e quello reale sono realtà complementari, e alcuni considerano Alexa parte della famiglia. Sono diffidenti verso la classe dirigente, e più sovversivi dalle generazioni precedenti, capaci con un tweet di mobilitare un boicottaggio o creare un movimento per una causa a cui credono.

     

    generazioni generazioni

    La «we generation» I Gen Z si distinguono dai Millenials, considerati la generazione dell'«io», per essere quella del «noi» e usano i social media per creare comunità e non solo connessioni individuali. Pensano al noi in senso globale, non solo al proprio cerchio di amicizie, e sono sensibili al benessere collettivo. Negli Stati Uniti, il 51% appartiene a gruppi di minoranze, una diversità che vogliono celebrare. Questo vale anche per l' orientamento sessuale: solo due terzi si considera eterosessuale, e sin da piccoli, rigettano la divisione binaria spronando Mattel a introdurre una bambola no gender.

     

    centennials generazione z centennials generazione z finsta 3 finsta 3

    Hanno a cuore l' eco sostenibilità, scegliendo brand e aziende che considerano etici (70%), sia per gli acquisti che quando entrano nella forza lavoro. Desiderio di autonomia Grazie all' uso delle risorse online, in particolare YouTube, i Gen Z hanno l' abilità di auto educarsi e ritenere un grande numero di informazioni. «Maturano sia fisicamente che mentalmente prima delle altre generazioni - spiega Monica Dreger, VP di Mattel - e ora sono parte delle decisioni importanti in famiglia, come l' acquisto di una casa o di una macchina». Il desiderio di autonomia spinge molti a lasciare gli studi dopo il liceo o lanciare il proprio business, e, sul lavoro, prediligono l' indipendenza mentre i Millennials cercano la collaborazione.

    millennials vs generazione z millennials vs generazione z

     

    sesso generazione z sesso generazione z

    Il rapporto con i social

    Il 94% dei Gen Z usa almeno un canale social, a cui quasi la metà ammette di essere costantemente connessa. In una ricerca dell' agenzia Hill Holiday, è pero emerso che il numero di Gen Z cui i social fanno sentire ansiosi, tristi o depressi, è in aumento (48% contro 41% nel 2017). Molto più giovani stanno cercando di staccarsene temporaneamente (il 58% contro il 50% del 2017), e di questi, un terzo si è completamente disconnesso. Tra le cause, la perdita di tempo, la negatività online, problemi di stima e preoccupazioni sulla privacy.

     

    centennials generazione z 1 centennials generazione z 1 euphoria euphoria

    Si rileva un aumento di "Finsta", finti profili Instagram in cui danno accesso a un numero ristretto di amici e sentono meno pressioni di pubblicare immagini di una vita perfetta. Ciò nonostante, il 74% ritiene che i social abbiano più benefici che svantaggi, come l' abilità di connettere con altri. Tra i canali in crescita, Tik Tok (40 milioni di utenti), e la piattaforma di gaming Discord (250 millioni).

     

    euphoria generazione z euphoria generazione z

    Come conquistarli La parola chiave per la Gen Z è l' autenticità. «I brand devono prendere sul serio il messaggio che vogliono comunicare, non può essere solo di apparenza - spiega Ziad Ahmed, fondatore ventenne di JUV Consulting, società di consulenza focalizzata sulla Gen Z - Abbiamo un filtro naturale per l' inautenticità».

    finsta finsta

    Vogliono sentirsi unici, scegliendo prodotti esclusivi, ad edizione limitata e personalizzati, e amano lo shopping esperenziale, spingendo molti brand digitali a creare negozi e pop up shop.

    adolescenti e sesso 4 adolescenti e sesso 4 adolescenti e sesso 2 adolescenti e sesso 2 adolescenti e sesso 3 adolescenti e sesso 3 adolescenti e sesso 1 adolescenti e sesso 1 finsta 1 finsta 1 EUPHORIA EUPHORIA EUPHORIA EUPHORIA generazione z generazione z finsta 2 finsta 2

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie