• Dagospia

    ARRIVA IN ITALIA LA PILLOLA ANTI-COVID, IL MOLNUPIRAVIR PRODOTTO DA MERCK: UNA COMPRESSA CHE PREVIENE IL RISCHIO DI SVILUPPARE LA MALATTIA GRAVE, MA VA PRESA ENTRO 5 GIORNI DAI PRIMI SINTOMI - LIEVI GLI EFFETTI INDESIDERATI: DIARREA, NAUSEA, VERTIGINI E CEFALEA - È IDEALE SOPRATTUTTO PER ANZIANI, OBESI, CARDIOPATICI E DIABETICI, NON È RACCOMANDATA IN GRAVIDANZA…


     
    Guarda la fotogallery

    Valentina Arcovio per "La Stampa"

     

    Che cos'è il Molnupiravir?

    molnupiravir molnupiravir

    È il farmaco che da oggi gli italiani hanno a disposizione contro il Covid. Si tratta di un antivirale prodotto da Merck che può essere assunto sotto forma di compressa orale. Il farmaco è stato progettato per introdurre errori nel codice genetico del virus, impedendone la duplicazione e riducendo quindi il rischio di provocare malattie gravi. Inoltre non interviene sulla proteina Spike del virus e questo dovrebbe garantire un'efficacia a prescindere dalle varianti.

     

    molnupiravir. molnupiravir.

    Quanto è efficace?

    Il farmaco, somministrato alla dose di 800 milligrammi due volte al giorno, ha ridotto il rischio di ospedalizzazione e morte quando il trattamento è iniziato entro 5 giorni dall'inizio dei sintomi.

     

    Un mese dopo l'inizio del trattamento, il 7,3% dei pazienti (28 su 385) che hanno assunto il Molnupiravir rispetto al 14,1% (53 su 377) dei pazienti che hanno assunto il placebo è stato ricoverato o è deceduto. Cosa più importante, nessuno dei pazienti che ha assunto il Molnupiravir è morto rispetto agli otto pazienti del placebo.

     

    molnupiravir molnupiravir

    Quali possono essere gli effetti collaterali?

    Gli effetti indesiderati più comuni sono stati: diarrea, nausea, vertigini e cefalea, tutti di entità lieve o moderata. È previsto l'utilizzo di un registro di monitoraggio delle segnalazioni che sarà presto accessibile online sul sito dell'Aifa.

     

    merck 3 merck 3

    Per chi è indicato?

    La pillola anti-covid è stata autorizzata per il trattamento di pazienti non ospedalizzati per Covid con malattia lieve o moderata di recente insorgenza (massimo 5 giorni) e con condizioni cliniche concomitanti che rappresentino specifici fattori di rischio per lo sviluppo della malattia grave, come, per esempio, età, obesità, cardiopatie e diabete.

     

    merck 2 merck 2

    Possono assumerlo anche le donne incinte e le donne che allattano?

    Il farmaco non è raccomandato durante la gravidanza e nelle donne che possono iniziare una gravidanza e che non utilizzano un metodo contraccettivo efficace. Le donne che possono iniziare una gravidanza devono usare un metodo contraccettivo efficace durante il trattamento e per 4 giorni dopo l'ultima dose dell'antivirale della Merck. L'allattamento al seno deve essere interrotto durante il trattamento e per 4 giorni dopo il trattamento.

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie