• Dagospia

    BORIS PERDE IL PIL E PURE IL VIZIO – IL REGNO UNITO SI APPRESTA AD AFFRONTARE LA PEGGIORE RECESSIONE ECONOMICA DAL 1709: SECONDO LA BANCA D’INGHILTERRA IL PIL CROLLERÀ DEL 30% IN SEI MESI, SE IL LOCKDOWN CONTINUERÀ FINO A INIZIO GIUGNO – LE STIME NON TENGONO CONTO DEGLI EFFETTI DI UNA BREXIT SENZA ACCORDO DI LIBERO SCAMBIO, SEMPRE PIÙ PROBABILE – INTANTO LA PANDEMIA CONTINUA A UCCIDERE: I MORTI IERI SONO STATI PIÙ DI 500, IL TOTALE SUPERA I 30MILA - VIDEO


     
    Guarda la fotogallery

     

     

     

     

    Davide Zamberlan per “il Giornale”

     

    boris johnson boris johnson

    La peggiore recessione economica da più di 300 anni. è l' immediato futuro che attende il Regno Unito secondo le stime pubblicate ieri dalla Banca d' Inghilterra nella sua periodica analisi di politica monetaria. Al centro dello studio della banca centrale inglese vi sono le conseguenze dello stallo socio-economico del Paese a causa del coronavirus: nel primo trimestre di quest' anno il Pil dovrebbe essersi ridotto del 3% rispetto al 2019 mentre da aprile a giugno la contrazione dovrebbe attestarsi su un ulteriore 25%. L' effetto cumulato è di una caduta del 30% della ricchezza prodotta dal Regno Unito rispetto ai primi sei mesi dell' anno precedente.

     

    disoccupazione nel regno unito stime bank of england disoccupazione nel regno unito stime bank of england

    Alla base di quello che gli economisti della banca centrale hanno definito «uno scenario economico plausibile» vi è il mantenimento delle misure di distanziamento sociale e di blocco di gran parte dell' economia fino a inizio giugno. Il governo non ha ancora preso una decisione su quando e come entrare in una fase 2 e il primo ministro Johnson dovrebbe parlare al Paese nel fine settimana per illustrare il piano governativo.

     

    andrew bailey andrew bailey

    In questi giorni si rincorrono le speculazioni su quali passi il governo deciderà di compiere mentre profonde sono le divisioni in seno alla maggioranza e allo stesso esecutivo tra chi predica la prudenza e chi, numeri alla mano, invita ad accelerare un ritorno negli uffici e nelle fabbriche. La Scozia ieri ha annunciato che il blocco a nord del vallo di Adriano sarà esteso per ulteriori 3 settimane, una decisione che sembra contrastare con le indicazioni di allentamento che giungono da Londra.

    stime della bank of england sul pil del regno unito stime della bank of england sul pil del regno unito

     

    la caduta del pil del regno unito per il coronavirus la peggiore dal 1709 la caduta del pil del regno unito per il coronavirus la peggiore dal 1709

    Oltre al crollo del Pil la Banca d' Inghilterra ha previsto un raddoppio della disoccupazione che dovrebbe arrivare all' 8%, accompagnato da tassi d' interesse e un' inflazione che si manterranno entrambi contenuti per effetto delle politiche monetarie espansive e del prezzo del petrolio che rimarrà a livelli molto bassi. Le indicazioni per la seconda parte dell' anno e per l' inizio del 2021 sono di un rimbalzo che però non porterà immediatamente ai livelli pre-crisi, per tornare ai quali sarà necessario attendere almeno fino alla fine dell' anno prossimo: difficile prevedere che la gente tornerà subito nei pub e nei ristoranti, è probabile aspettarsi un cambiamento nelle abitudini di spesa delle persone.

    il piano di riapertura di boris johnson il piano di riapertura di boris johnson

     

    coronavirus morti nel regno unito al 5 maggio 2020 coronavirus morti nel regno unito al 5 maggio 2020

    L' eccezionalità dei numeri snocciolati nelle 60 pagine del report risiede nel precedente storico cui bisogna rifarsi per trovare qualcosa di comparabile economicamente: il grande inverno del 1709, considerato il più freddo degli ultimi 500 anni, quando si poteva attraversare il Baltico su una slitta, pattinare sui canali di Venezia, vedere l' Ebro ghiacciato. E centinaia di migliaia di persone morirono di freddo e di fame. Se confermato nelle cifre, il tonfo inglese per l' intero 2020 sarebbe del 14%, tra i peggiori dell' intera Europa.

    BORIS JOHNSON TORNA A DOWNING STREET DOPO IL CORONAVIRUS BORIS JOHNSON TORNA A DOWNING STREET DOPO IL CORONAVIRUS

     

    boris johnson boris johnson

    E questo prima di tenere conto di eventuali effetti negativi di un mancato compromesso tra Londra e Bruxelles sulla Brexit, per cui la Banca d' Inghilterra assume ottimisticamente si raggiunga un accordo di libero scambio. Il Regno Unito ha registrato anche ieri oltre 500 morti che portano le vittime dichiarate a oltre 30mila, dietro solo agli Stati Uniti. Analizzando le quali l' istituto nazionale di statistica ha rilevato che le persone di origine afroamericana hanno una probabilità 4 volte maggiore di morire di coronavirus rispetto agli inglesi di pelle bianca. Nuclei familiari più grandi, case più piccole, maggiore povertà sono tra le cause principali della disparità.

    boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson boris johnson e i portatori di bare ghanesi boris johnson e i portatori di bare ghanesi BORIS JOHNSON CORONAVIRUS BORIS JOHNSON CORONAVIRUS BORIS JOHNSON CORONAVIRUS BORIS JOHNSON CORONAVIRUS boris johnson boris johnson morti coronavirus a confronto morti coronavirus a confronto

    Guarda la fotogallery


    Con Acea Energia puoi vincere la nuova Fiat 500 Passion Cabrio 100% elettrica. Partecipa al Concorso "Una vincita che farà ECO". Scopri di più!

    ultime notizie