• Dagospia

    “MI RIBOLLE IL SANGUE. BASTA INSULTARE MIO PADRE, LA ROMA DEVE INTERVENIRE” - GABRIELE PAPARELLI, FIGLIO DI VINCENZO, IL TIFOSO DELLA LAZIO UCCISO DA UN RAZZO PARTITO DALLA CURVA DEI TIFOSI GIALLOROSSI IL 28 OTTOBRE 1979, SI SFOGA DOPO UN POST DISGUSTOSO SU FACEBOOK: SONO 40 ANNI CHE GIRO CON LA BOMBOLETTA IN MACCHINA PER CANCELLARE SCRITTE SU RAZZI E COSE COME ‘10 100 1000 PAPARELLI’. HO QUERELATO MIGLIAIA DI PERSONE, DENUNCE CHE NON HANNO AVUTO SEGUITO. A QUESTO PUNTO GRADIREI CHE…


     
    Guarda la fotogallery

    Marco Calabresi per www.corriere.it

    gabriele paparelli gabriele paparelli

     

    Ci sono gli sfottò, e poi c’è la vergogna. Gabriele Paparelli, figlio di Vincenzo, tifoso della Lazio ucciso da un razzo lanciato dalla curva Sud prima del derby del 28 ottobre 1979, ha pubblicato sul suo profilo Facebook lo screen di un commento offensivo della memoria del papà.

     

    «Il razzo in faccia non sparisce», la frase scritta in risposta a «La Coppa in faccia non sparisce», riferita invece al gol di Lulic che decise la finale 2013. «Non serve più querelare, ormai mi resta solo che farvi vedere chi sono. Non è che quando noi perdiamo ci mettiamo a insultare. Sono fatti così».

     

    vincenzo paparelli vincenzo paparelli

    Ai microfoni di Radio Incontro Olympia, poi, Paparelli (che aveva già lanciato l’allarme in questa lunga intervista al Corriere nel quarantennale) si è ulteriormente sfogato: «Adesso basta, non ne posso più, mi sta ribollendo il sangue. Voglio vivere la morte di mio padre, il mio lutto, in pace con la mia famiglia - dice - Ero tanto felice per il derby vinto dalla Lazio, ma ho dovuto assistere all’ennesima scritta, all’ennesimo post infamante nei confronti di mio padre.

     

    striscione contro paparelli striscione contro paparelli

    Sono 40 anni che giro con la bomboletta in macchina per cancellare scritte su razzi e cose come “10 100 1000 Paparelli». Ho querelato migliaia di persone, denunce che non hanno avuto seguito. A questo punto gradirei che intervenisse l’As Roma, che mi invitasse a parlare, che faccia un appello ufficiale, un comunicato. Basta, non tollero più nulla. Sono arrabbiato, ma anche deluso. I morti vanno lasciati in pace».

    gabriele paparelli lotito gabriele paparelli lotito gabriele paparelli foto di bacco gabriele paparelli foto di bacco scritte contro paparelli scritte contro paparelli paparelli delitto paparelli delitto vincenzo paparelli vincenzo paparelli vincenzo paparelli delitto vincenzo paparelli delitto scritta romanista per la morte di paparelli scritta romanista per la morte di paparelli vincenzo paparelli targa vincenzo paparelli targa gabriele e vincenzo paparelli gabriele e vincenzo paparelli la notizia dell'uccisione di vincenzo paparelli la notizia dell'uccisione di vincenzo paparelli

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie