• Dagospia

    IL COVID FA STRAGE DEI MEDICI – 184 VITTIME DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA. BOOM DI CONTAGI - TRA SETTEMBRE E OTTOBRE I CASI POSITIVI TRA GLI OPERATORI SANITARI SONO STATI 230 AL GIORNO, 14MILA IN TOTALE - INTANTO TRA MALATI, QUARANTENATI E PREPENSIONATI, LA STRUTTURALE CARENZA DI PERSONALE MEDICO TENDE AD AGGRAVARSI...


     
    Guarda la fotogallery

    Niccolò Carratelli Alessandro Mondo per “la Stampa”

     

    medici covid medici covid

    L' ultimo era un oculista. Paolo Melenchi, 57 anni di Caserta, è morto domenica. Morto di Covid, non aveva altre patologie. È il numero 184 nell' elenco, listato a lutto, pubblicato sul sito della Fnomceo, la Federazione degli ordini dei medici. Ci sono i nomi delle vittime di questa epidemia, spesso caduti in servizio, contagiati sul luogo di lavoro.

     

    Cinque nell' ultimo mese, travolti dalla seconda ondata del virus. Più di 14mila, invece, i medici e gli infermieri infettati tra settembre e ottobre, con il ritmo impressionante di 230 al giorno.

     

    Il totale degli operatori sanitari risultati positivi da febbraio a oggi, secondo i dati dell' Istituto superiore di Sanità, supera quota 44mila. «Circa il 70% sono infermieri, siamo la categoria più esposta, perché ha contatti più prolungati con i malati», spiega Antonio De Palma, presidente del sindacato Nursing Up, che però non ha dati aggiornati sui morti, ufficialmente fermi a 44.

     

    medici covid medici covid

    «Sicuramente sono di più, basta leggere il numero in rapporto ai contagiati - dice - non sono calcolati quelli deceduti prima dell' arrivo dei tamponi e poi fatichiamo ad avere i dati dalle regioni». Di certo dopo l' estate la situazione è cambiata, con una mortalità più bassa, ma non per questo è meno preoccupante.

     

    «A livello di sicurezza stiamo meglio rispetto alla prima fase, quando non avevamo nemmeno le mascherine - dice Filippo Anelli, presidente della Fnomceo - anche se ci arrivano segnalazioni su eccessi di burocrazia da parte delle Asl, che centellinano la distribuzione dei dispositivi». Ma il problema principale, oggi, è «la carenza di personale e il conseguente sovraccarico di lavoro, con turni massacranti».

     

    Del resto, chi risulta positivo finisce in quarantena e deve abbandonare i propri pazienti, com' è successo ai 20 infermieri e un medico risultati positivi all' ospedale Sacco di Milano. Mentre chi è solo un contatto stretto di un soggetto positivo può, anzi spesso deve, restare in servizio. È sufficiente che sia asintomatico per continuare a lavorare come se niente fosse: per medici e infermieri l' isolamento fiduciario non vale. O meglio vale per le ore della giornata in cui non sono impegnati in reparto.

    medici covid medici covid

     

    «È una questione delicata, su cui ci siamo scontrati con il ministero - dice Carlo Palermo, segretario del sindacato dei medici Anaao Assomed - per tenere in piedi il sistema e non dover chiudere interi reparti, si rischia di trasformare i luoghi di cura in luoghi di contagio. Così gli operatori sanitari possono mettere a rischio pazienti e colleghi».

     

    Anche per questo i più anziani puntano alla pensione, anticipando un po' i tempi: «Chi magari ha la possibilità di sfruttare quota 100, stanco e stressato dopo la prima ondata, ne approfitta», spiega Palermo. Insomma, tra malati, quarantenati e prepensionati, la strutturale carenza di personale tende ad aggravarsi invece che a ridursi grazie alle nuove assunzioni.

     

    «I contagi tra i medici depauperano organici già allo stremo, per questo è necessario che vengano sospese le attività ordinarie non urgenti e non salvavita», dice Chiara Rivetti, segretario regionale Anaao Assomed Piemonte. I dati in arrivo dalle aziende sanitarie piemontesi sono eloquenti.

     

    covid lazio covid lazio

    Nell' Asl Città di Torino, dal primo settembre, 154 positivi su 6 mila dipendenti: 65 tra medici e specializzandi, più 72 infermieri e una quarantina di altri operatori. All' ospedale Mauriziano in due mesi si sono contagiati 13 medici e 23 infermieri.

     

    E poi una settantina di dipendenti nell' Asl Torino 5 e altrettanti al San Luigi. «Purtroppo gli ospedali stanno tornando a essere focolai, come a marzo - avverte Francesco Coppolella, segretario regionale Nursind Piemonte, sindacato degli infermieri - senza considerare i colleghi che, pur essendo sintomatici, non riescono ancora a fare il tampone».

    D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19 D614G - LA MUTAZIONE DEL COVID 19

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie