• Dagospia

    BINARIO TRISTE E SOLITARIO – IL FONDO AMERICANO “GIP” STA VALUTANDO LA VENDITA PER 4 MILIARDI NEL 2023 DI NTV (ITALO), ACQUISTATA NEL 2018 PER 2 MILIARDI. LA SOCIETÀ DEI TRENI CREATA DA MONTEZEMOLO E CATTANEO HA UN DEBITO DI 1,2 MILIARDI: DALL’USCITA GIP AVREBBE UNA PLUSVALENZA DI “SOLI” 800 MILIONI, ANCHE SE GLI INVESTIMENTI DEL PNRR POTREBBERO FAR MIGLIORARE I CONTI – IL FONDO È DELUSO DA ANNI DELL’ANDAMENTO DI NTV, MA ORA L’EXIT STRATEGY SEMBRA DAVVERO CONCRETA…


     
    Guarda la fotogallery

     

     

    Andrea Rinaldi per www.corriere.it

     

    italo treni coronavirus italo treni coronavirus

    I treni di Italo verso una nuova stazione. Global Infrastructure Partners — il fondo Usa che ha acquisito Ntv, la società di servizi ferroviari proprietaria dei treni rossi — starebbe valutando l’uscita dopo essere entrata come socio di maggioranza al 72% nel 2018 per 2 miliardi.

     

    L’exit, secondo indiscrezioni di Bloomberg, potrebbe aggirarsi intorno ai 4 miliardi di euro. Gip potrebbe iniziare a valutare l’interesse per Italo da parte di potenziali acquirenti nei prossimi mesi, qualora decidesse di procedere con la vendita, ma l’uscita potrebbe avverarsi a partire dal 2023, cioè alla scadenza dei cinque anni di gestione. Insomma i «se» non mancherebbero: Ntv ha in pancia un debito di 1,2 miliardi dovuto agli investimenti sui nuovi convogli (raddoppiati a 51 dall’ingresso del fondo), sul personale (passato da poco meno di mille unità a 1.500) e in tecnologia.

    BOMBASSEI MONTEZEMOLO PUNZO DELLA VALLE PRESENTANO ITALO NTV BOMBASSEI MONTEZEMOLO PUNZO DELLA VALLE PRESENTANO ITALO NTV

     

    L’exit a quel prezzo significherebbe per Cib una plusvalenza di «soli» 800 milioni. Ma ieri dal ministero delle Infrastrutture a Ntv è arrivata la seconda tranche di ristori: 91,5 milioni più altri 86,5, mentre 145,6 milioni erano già stati assegnati (a Trenitalia sono arrivati invece 279,8 milioni più 2138 milioni; 364 quelli già incassati). Il rosso quindi diminuirebbe e la plusvalenza salirebbe a un più congruo miliardo.

     

    I conti in crescita

    festa per i cinque anni di italo treno festa per i cinque anni di italo treno

    È poi vero che gli investimenti del Pnrr sull’Alta velocità, in particolare al Sud possono essere un volano per il business di Italo.

     

    La società presieduta da Luca Cordero di Montezemolo, con Flavio Cattaneo vicepresidente — e azionisti di peso come Allianz (11,5%), Ip Infra Investors (7,6%), e altri soci come blasonati quali gli stessi vertici, Alberto Bombassei, Isabella Seragnoli e Peninsula Capital — ha infatti realizzato ricavi operativi per 487 milioni di euro (dai 413,4 del 2020) con un risultato operativo positivo per 91 milioni (dai 51 dell’anno prima) e un utile netto di 104,3 milioni.

     

    ARTICOLI CORRELATI

     

     

     

     

     

     

    TRENO ITALO BLOCCATO PER ORE A FROSINONE TRENO ITALO BLOCCATO PER ORE A FROSINONE GIORGIO NAPOLITANO E LUCA MONTEZEMOLO SU UN TRENO ITALO jpeg GIORGIO NAPOLITANO E LUCA MONTEZEMOLO SU UN TRENO ITALO jpeg

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie