• Dagospia

    IL SUCCO DELLA FINANZIARIA? UNA DICHIARAZIONE DI GUERRA AI LAVORATORI DIPENDENTI - ALDO CAZZULLO: “DIVENTA ESPLICITA E RIVENDICATA LA DISTINZIONE TRA LAVORATORI AUTONOMI E DIPENDENTI. I PRIMI AVRANNO UNA FLAT TAX DEL 15% FINO A 85 MILA EURO (COMPRENSIVA DI IRPEF, IRAP, IVA). UN LAVORATORE DIPENDENTE DA 50 MILA EURO L'ANNO CONTINUA A PAGARE IL 43% DI IRPEF, CUI SI AGGIUNGONO ADDIZIONALI E CONTRIBUTI: UN LAVORATORE DA 2.500 EURO NETTI AL MESE È CONSIDERATO RICCO (ESSENDO I VERI RICCHI INDISTURBATI A MONTECARLO E IN SVIZZERA). A VOI DECIDERE SE PREVALE LO SCANDALO O IL RIDICOLO”


     
    Guarda la fotogallery

    aldo cazzullo foto di bacco (2) aldo cazzullo foto di bacco (2)

    Dal “Corriere della Sera”

     

    Caro Aldo, mi chiedo i criteri di questa manovra. Flat tax: perché io devo pagare circa il 40% e chi ha un reddito doppio meno della metà? Aumento pensioni minime: bene, peccato che queste derivino dai pochi o nulli contributi versati. Reddito di cittadinanza: concordo, ma non si ruba ai (reali) poveri per quota 41. Dulcis in fundo: non si adeguano all'inflazione pensioni discrete, ma normali e guadagnate con 43 anni di lavoro e relativi contributi.

    Lei che ne pensa?

    Francesco De Pace, Pavia

     

    Risponde Aldo Cazzullo

    Caro Francesco, i l governo ha potuto fare poco perché non aveva molti soldi da spendere, e i due terzi sono andati alla riduzione dei prezzi dell'energia.  Ma un segnale ideologico l'ha dato, ed è apertamente punitivo nei confronti degli elettori che hanno votato per l'opposizione. Legittimo; ma innegabile.

    GIANCARLO GIORGETTI E GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI E GIORGIA MELONI

     

    Il più evidente è l'abolizione del Reddito di cittadinanza, misura bandiera dei Cinque Stelle. Però - come fa notare lei, signor De Pace - è altrettanto importante la distinzione, che già esisteva ma ora diventa esplicita e rivendicata, tra lavoratori autonomi e lavoratori dipendenti. I primi avranno una flat tax del 15% fino a 85 mila euro (comprensiva di Irpef, Irap, Iva).

     

    Un lavoratore dipendente da 50 mila euro l'anno continua a pagare il 43% di Irpef, cui si aggiungono addizionali e contributi: un lavoratore da 2.500 euro netti al mese è considerato il più ricco d'Italia (essendo i veri ricchi spesso indisturbati a Montecarlo e in Svizzera). A voi decidere se prevale lo scandalo o il ridicolo.

     

    GIANCARLO GIORGETTI E GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI E GIORGIA MELONI

    Se poi apre una partita Iva per arrotondare - con 2.500 euro al mese si fatica a mantenere una famiglia numerosa in una grande città -, la flat tax per lui non vale. In campagna elettorale Fratelli d'Italia aveva promesso anche ai lavoratori indipendenti la flat tax «incrementale», cioè sugli aumenti di stipendio.

     

    In effetti è stata introdotta; ma non per i lavoratori dipendenti, solo per gli autonomi che non scelgono il regime forfettario. E qui siamo al limite dell'incostituzionalità, alla violazione del principio dell'uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge. E il ceto medio dipendente non può neppure sperare in futuro nel Pd, l'unico partito dai tempi dei Tories e dei Whigs a punire i suoi elettori (come fece il secondo governo Prodi quando aumentò le aliquote Irpef).

    giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie