• Dagospia

    LA DAMNATIO DEI CRAXIANI - ALDA D'EUSANIO: ''QUANDO USCIRONO LE NOSTRE INTERCETTAZIONI, 'LINDIPENDENTE' DI FELTRI, 'L'UNITÀ' E NORMA RANGERI SUL 'MANIFESTO' SCRISSERO LE COSE PIÙ IGNOMINIOSE. SE BETTINO ERA L' UOMO NERO IO ERO UNA STREGA. FORSE VOLEVANO ANCHE COLPIRE MIO MARITO, SOCIALISTA SOPRA LE PARTI. MA AVEVAMO LA COSCIENZA A POSTO, NON TEMEVAMO L'ISOLAMENTO DI CUI FUMMO OGGETTO PER ANNI. QUANDO ANDAVO A MANGIARE ALLA MENSA DELLA RAI, COME MI SEDEVO TUTTI SI ALZAVANO''


     
    Guarda la fotogallery

    Maurizio Caverzan per ''la Verità''

     

    Buongiorno signora Alda D' Eusanio, perché non è andata ad Hammamet per il ventennale della morte di Bettino Craxi?

    «Per me la tragedia di Hammamet, come la chiamo, è una ferita ancora aperta. Non credo molto nelle visite collettive in occasione degli anniversari. Credo invece che vada fatta un' opera per ristabilire la verità e la giustizia sul caso Craxi, affinché il Paese possa riflettere su ciò che è stato. La fine di Bettino è stata anche la morte di un intero sistema».

     

    alda d eusanio foto di bacco (1) alda d eusanio foto di bacco (1)

    «Bettino»: lo chiama spesso così, Alda D' Eusanio, in questa intervista; per sottolineare la prevalenza dell' uomo sullo statista e per esprimere il senso di un' amicizia che ha lasciato un vuoto. Giornalista, moglie del sociologo Gianni Statera, scomparso pochi mesi prima del leader socialista, D' Eusanio è un volto molto noto della televisione italiana. Ha condotto per alcuni anni il Tg2 e poi ideato e condotto diversi programmi di cronaca e attualità, da L' Italia in diretta a Ricomincio da qui, da Al Posto tuo a Qualcosa è cambiato. Grazie all' abitudine a evitare troppe circonlocuzioni, da qualche stagione si è ritagliata uno spazio come opinionista di programmi popolari, soprattutto in Mediaset.

     

    Non è andata ad Hammamet pur essendo amica del leader socialista.

    craxi martelli craxi martelli

    «Ci sono sempre andata e ancora ci andrò, in forma privata. Ero un' amica come lo era mio marito, uno studioso, autore di molti libri, tra i quali uno intitolato Il caso Craxi. Immagine di un presidente».

     

    In che cosa consisteva quest' amicizia?

    «Mio marito, che era molto stimato da Craxi, me lo fece conoscere. Ogni 15 giorni o più spesso - dipendeva dai loro impegni - c' invitava a cena all' hotel Raphael. Con il mio carattere privo di formalità ero riuscita a superare le sue diffidenze iniziali. Bettino credeva nell' amicizia».

    Pochi lo ricordano così.

    «M' infastidisce che quando si parla di lui si citino sempre nani e ballerine. La sua casa era frequentata da politici come Giovanni Spadolini, oltre ai tanti amici socialisti. Il fatto di averla aperta anche a persone del mondo dello spettacolo come Ornella Vanoni, Adriana Asti o Caterina Caselli non ha fatto di lui il capo di un circo».

     

    Come s' intende quando si rispolvera quel binomio?

    «La politica spettacolo era già arrivata con Marco Pannella che fu il primo a usare la tv in modo moderno. Anche Sandro Pertini era molto attento alla sua immagine. Bettino non lo è mai stato, era schivo, persino timido».

    ALDA D EUSANIO GIANNI STATERA ALDA D EUSANIO GIANNI STATERA

    Non dava questa impressione.

    «Invece era così. Non amava i riflettori, il palcoscenico, il lusso».

     

    A differenza del suo amico Silvio Berlusconi?

    «Che però allora non faceva politica e si occupava, molto bene, di televisione. Berlusconi era il volto seduttivo del potere, l' esatto opposto di Craxi. Che non era né seduttivo né simpatico».

     

    MARTELLI LIBRO SU CRAXI COVER MARTELLI LIBRO SU CRAXI COVER

    Ha ragione Claudio Martelli che ha intitolato il suo libro L' Antipatico. Bettino Craxi e la grande coalizione?

    «Sì. Non faceva nulla per conquistarsi la simpatia di nessuno. Tutta la sua mente era rivolta alla soluzione dei problemi. L' unico momento di svago era la sera a cena, quando incontrava amici, politici, scrittori o persone dello spettacolo, ma sempre parlando di politica. Ha condotto una vita in un certo senso umile, al Raphael non viveva in un attico sfarzoso come si diceva, erano due stanze piene di libri, giornali e polvere».

    Si è parlato a lungo del suo tesoro, conti all' estero, ville, donazioni alle amanti.

    «Ancora la storia dell' oro di Dongo? A smentirla basta la sobrietà della vita condotta da lui e dalla sua famiglia. Le case in cui ha vissuto, compresa quella di Hammamet, l' unica di proprietà, erano come quelle due stanze al Raphael».

     

    Ho sentito che lei sostiene sia stato ucciso. Da chi?

    alda d eusanio foto di bacco alda d eusanio foto di bacco

    «Quando doveva operarsi e si sapeva che la Tunisia non aveva ospedali all' altezza, non gli è stato consentito di tornare in Italia. È stato un modo di ucciderlo. Solo la Tunisia l' ha accolto. François Mitterand disse che non poteva garantirgli la protezione: poteva garantirla ai terroristi assassini di innocenti come Cesare Battisti, ma non a un leader politico. Craxi non voleva sfuggire alla giustizia italiana, ma auspicava l' esercizio di una giustizia giusta, che non agisse come un potere deciso ad azzerare un intero ceto politico».

     

    Martelli sostiene che è stato ucciso da una grande coalizione della finanza internazionale.

    «Nessuno credo pensi realmente che il sistema politico e sociale della quinta potenza industriale potesse essere distrutto dal mariuolo Guido Chiesa e dal poliziotto Antonio Di Pietro. Sicuramente c' era un disegno. Martelli è sempre stato lucido nelle sue analisi, era il delfino di Bettino. Che, del resto, a differenza di altri leader, si è sempre circondato di persone di valore, come Rino Formica e Gianni De Michelis».

     

    GIANNI STATERA GIANNI STATERA

    Non ci sono state anche colpe sue nel compiersi di quella tragedia?

    «Eraclito dice che il destino dell' uomo è il suo carattere. Quello di Bettino lo portava a combattere mettendo da parte la prudenza.

    Non era capace di abbassare la testa per aspettare che passasse l' onda».

     

    Ha visto Hammamet di Gianni Amelio?

    «Sì e non mi è piaciuto. Non è né un documento politico né un' operazione verità sui suoi ultimi mesi. Se non ci fosse la bravura di Pierfrancesco Favino È un film che non aggiunge nulla, solo cose sbagliate».

     

     

    Per esempio?

    «Il modo di raccontare la famiglia. Bettino era amato dalla moglie Anna e da Bobo, Stefania lo adorava. Nel film si vede quasi solo lei.

    Ma la vera infermiera era Anna, che non lo ha mai lasciato mezzo secondo, tranne quando è stata costretta ad andare a Parigi per curarsi. È morto quando si è allontanata, ma nel film è descritta come una donna che guarda la tv. Anche Bobo si era trasferito lì con la famiglia. Quegli ultimi anni sono stati raccontati meglio in Route El Fawara, Hammamet di Gianni Pennacchi».

     

    L' amicizia con Craxi ha aiutato la sua carriera di giornalista?

    alda d'eusanio cane alda d'eusanio cane

    «Io ero molto critica nei confronti della gestione della Rai del Psi e del Pci. C' è una mia intervista a Maria Latella del Corriere della Sera intitolata: "Telegarofano, la mia croce".

    Commentandola, Giampaolo Pansa scrisse sull' Espresso: "Attenti a quell' Alda di notte"».

     

    Aveva ragione?

    «Faccia lei. Prima di diventare giornalista a 40 anni me ne sono fatta undici di precariato. Poi ho condotto il tg della notte che è quello che ti danno quando non vogliono farti far carriera. Ho cominciato ad avere successo nel 1996 con L' Italia in diretta quando Bettino era ad Hammamet da due anni. La prima conduzione in prima serata l' ho avuta nel 2001, con Al posto tuo, quando sia mio marito che Craxi erano morti».

    bobo stefania e anna craxi bobo stefania e anna craxi

     

    Alla conduzione del tg delle 20.30 quando arrivò?

    «Nel 1995. Fu Clemente Mimun a spostarmi, ma durò pochi mesi perché poi passai a L' Italia in diretta. Poco dopo spuntarono le intercettazioni delle nostre telefonate...».

     

    Che cosa venne fuori?

    «Lo chiamavo alla sera con mio marito, sapendo benissimo che eravamo intercettati, per chiedergli come stava e riferirgli lo stato di salute di Vincenzo Muccioli, nostro amico. Lui parlava, si sfogava anche. Io manifestai l' intenzione di scrivere un libro sulla sua vicenda».

     

    Disse: «Sarò la tua voce».

    Craxi con Anna Craxi con Anna

    «Il senso era questo: se riuscirò a convincere un editore sarò la tua voce. Si parlava di un libro da scrivere. Un' altra volta in cui raccontava del dolore provocato da un' ernia gli mandai affettuosamente "un bacino sulla bua, che ti passa". Fui messa alla gogna, il mio peccato originale era stato ammettere di essere amica di Bettino Craxi. Lo rivendicai, chiedendo di dimostrarmi dove sbagliavo. Avevo anche rifiutato, come Enrico Mentana, di fare uno spot elettorale».

     

    Gli attacchi non si placarono?

    «L' Indipendente di Vittorio Feltri, L' Unità e Norma Rangeri sul Manifesto scrissero le cose più ignominiose. Se Bettino era l' uomo nero io ero una strega. Forse volevano anche colpire mio marito, socialista sopra le parti. Ma avevamo la coscienza a posto, non temevamo l' isolamento di cui fummo oggetto per anni. Quando andavo a mangiare alla mensa della Rai, come mi sedevo tutti si alzavano e restavo sola al tavolo».

     

    Intanto continuava a condurre: come definirebbe la sua televisione?

    Craxi, Anna e Tognoli Craxi, Anna e Tognoli

    «Una televisione coraggiosa, che guardava avanti e raccontava le storie delle persone comuni. Non a caso fu copiata da tutti».

     

     

    Per esempio?

    «L' Italia in diretta divenne La vita in diretta, poi Ricomincio da qui, Un pugno o una carezza, Qualcosa è cambiato hanno ispirato tanti programmi di questi anni, le storie e l' infotainment. È stata copiata anche la tecnica dei primissimi piani durante il racconto. Di pomeriggio Al posto tuo batteva Maria De Filippi. Ideavo programmi, ma dopo un anno mi mandavano via».

     

    Perché?

    «La libertà e la solitudine si pagano».

     

    Non c' erano anche polemiche per l' uso di attori?

    «La tv è fatta dal rapporto tra i telespettatori e il conduttore che tiene il pubblico legato alla storia.

    alda d'eusanio alda d'eusanio

    Io non recitavo e non facevo recitare, facevo passare i sentimenti, li stimolavo».

     

    Negli ultimi anni è stata opinionista di alcuni reality. Che cosa le piace di questi programmi?

    «L' unico reality è stato L' Isola dei Famosi. M' incuriosiva la durezza del format: le situazioni estreme, la sopravvivenza e la convivenza con persone diverse mettono a nudo il carattere delle persone. Poi sono stata opinionista anche per Piero Chiambretti e, a volte, per Barbara D' Urso. È la tv di adesso».

     

    Che cosa guarda da telespettatrice?

    «Seguo i programmi d' informazione, da Ballarò a Report a Porta a Porta. E poi Maurizio Crozza, che mi diverte molto».

     

    Tra i politici di oggi chi le fa meno rimpiangere quelli della prima repubblica?

    «Tutti me li fanno rimpiangere perché dopo di allora non c' è più stata vera politica. Berlusconi ci ha provato, anche se non era del ramo.

    Sono politica il Conte 1, il Conte 2 o allearsi prima con un partito e subito dopo con un altro? Lei vede in giro qualcuno che possa lontanamente paragonarsi a Giulio Andreotti, Bettino Craxi o Enrico Berlinguer?».

    alda d'eusanio alda d'eusanio alda d'eusanio alda d'eusanio vladimir luxuria e alda deusanio vladimir luxuria e alda deusanio alda d'eusanio alda d'eusanio alda d eusanio alda d eusanio alda d'eusanio contro corona 1 alda d'eusanio contro corona 1 alda d'eusanio alda d'eusanio alda d eusanio alda d eusanio alda d'eusanio alda d'eusanio

     

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie