• Dagospia

    “LA GENTE AVEVA BISOGNO DI MASTURBARSI” - IL REGISTA GASPAR NOÉ STRONCA "365 GIORNI", IL "50 SFUMATURE DI GRIGIO" IN SALSA POLACCA: “QUELLO STUPIDO FILM HA AVUTO SUCCESSO DURANTE IL LOCKDOWN PERCHÉ IL PUBBLICO È COMPOSTO DA ESSERI UMANI CHE HANNO BISOGNO DI TOCCARSI. IO NEGLI ANNI ’70 AVEVO BISOGNO DI BELLE RAGAZZE SU BELLE RIVISTE. MA ORA LA PORNOGRAFIA CHE SI TROVA IN RETE È PER LO PIÙ DISGUSTOSA…” - VIDEO


     
    Guarda la fotogallery

     

    Simona Carradori per www.bestmovie.it

     

    gaspar noe' 1 gaspar noe' 1

    Il successo di 365 giorni è sotto gli occhi di tutti: nel 2020 il film erotico polacco ha letteralmente spopolato su Netflix, aggiudicandosi il titolo di lungometraggio più visto sulla piattaforma in quello stesso anno. L’arrivo del sequel non ha smentito il trend: il nuovo capitolo della saga tratta dai romanzi di Blanka Lipinska si è piazzato in prima posizione nelle Top 10 di praticamente tutti i paesi in cui il servizio streaming è disponibile, riconfermandosi così uno dei franchise più seguiti tra i titoli prodotti da Netflix.

     

    365 giorni adesso 365 giorni adesso

    A tal proposito si è espresso un regista che dell’esperienza sessuale – spesso scandalosa e da molti considerata eccessiva – ha fatto la sua firma, Gaspar Noé, autore di film come Irréversible, Climax e il più recente Vortex.  

    365 giorni 0 365 giorni 0

    Durante un’intervista concessa a Independent, l’autore ha parlato del successo ottenuto dal suo film Love su Netflix, dove è stato inserito nel 2020, in piena pandemia, catturando il pubblico della piattaforma. Il film presenta diverse scene di sesso non simulate e, a tal proposito, Noé ha dichiarato: «Ha avuto successo durante il lockdown perché il pubblico è composto da esseri umani che hanno bisogno di masturbarsi.»

     

    365 giorni 365 giorni

    Ha poi continuato aggiungendo che durante la sua giovinezza a Parigi, negli anni ’70, era un assiduo lettore di Playboy: «Avevo bisogno di belle ragazze su belle riviste. Ma ora le edicole sono scomparse e la pornografia che si trova in rete è per lo più disgustosa», quindi gli adolescenti cercano film erotici. «E se sono su Netflix, possono guardarli 10 volte di seguito».

    Ma arriviamo a 365 giorni, che Gaspar Noé ha menzionato in tal senso: «C’è anche quello stupido film polacco che era il primo in classifica. È perché le persone hanno bisogno di masturbarsi. Hanno un pene o… il contrario… Hanno solo bisogno di giocare con i loro giocattoli».

     

    365 giorni 365 giorni

    Il primo capitolo, ricordiamo, è stato diretto da Barbara Bialowas e Tomasz Mandes, che sono tornati anche alla regia del sequel. Ad interpretare i due protagonisti sono l’attrice polacca Anna-Maria Sieklucka e l’interprete italiano Michele Morrone, ai quali si è anche unito, con l’uscita di 365 giorni: Adesso, anche Simone Susinna nel ruolo di Nacho. La storia è quella di una donna che viene rapita da un potente boss mafioso siciliano, il quale la imprigiona e le concede un anno di tempo per innamorarsi di lui.

    gaspar noe' gaspar noe' 365 giorni adesso 5 365 giorni adesso 5 365 giorni 8 365 giorni 8 365 giorni 365 giorni 365 this day. 365 this day. 365 giorni adesso 365 giorni adesso 365 giorni adesso 2 365 giorni adesso 2 365 giorni 1 365 giorni 1 michele morrone anna maria sieklucka 365 giorni adesso michele morrone anna maria sieklucka 365 giorni adesso 365 giorni 365 giorni 365 giorni adesso 1 365 giorni adesso 1 365 giorni adesso 3 365 giorni adesso 3 365 giorni adesso 4 365 giorni adesso 4 365 giorni 1 365 giorni 1 365 giorni 3 365 giorni 3 365 giorni 4 365 giorni 4 365 giorni 5 365 giorni 5 gaspar noe' 4 gaspar noe' 4

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie