• Dagospia

    NAPOLI, NON È MAI TROPPO ICARDI! – A DE LAURENTIS MAURITO PIACE DA QUANDO ERA BAMBINO, E ORA LA TENTAZIONE È MOLTO FORTE E NEPPURE TROPPO COMPLESSA DA REALIZZARE – IN CAMBIO IL NAPOLI POTREBBE CEDERE INSIGNE, CHE AL SAN PAOLO HA DOVUTO SOPPORTARE VARIE INSOFFERENZE E ORA…


     
    Guarda la fotogallery

     

    Antonio Giordano per www.corrieredellosport.it

     

    icardi wanda nara icardi wanda nara

    Così, per restare nel solco: da Zalayeta (nella stagione del debutto in serie A) per arrivare a Quagliarella; e poi da Quagliarella a Cavani; e a seguire da Cavani a Higuain; e per «dimenticare» lo «sgarbo», da Higuain a Milik; e a fianco e intorno, per arricchirsi di gol, da Lavezzi a Pandev, da Mertens a Callejon, da un super-bomber a un altro, rimanendo sempre a guardare le stelle da vicino, corteggiandole educatamente o anche ossessivamente.

     

    Ditelo con i gol: e il Napoli c’è riuscito - per investimento, per vocazione tattica e per autorevolezza degli interpreti - si è tuffato in quel mercato gigantesco che racchiude in sé gli uomini dei sogni e un giorno, neanche tanto tempo fa, l’estate del 2013, si allungò sino a Maurito Icardi, lo sfiorò sul serio, come qualche stagione prima, e poi dovette indietreggiare. Icardi Mauro, già: è il centravanti che non tramonta mai, men che meno nei pensieri, che vanno tenuti lì, custoditi nella memoria, e inseguito silenziosamente - e sempre strategicamente - con una discrezione da blindare rigorosamente. Mauro Icardi ad Aurelio De Laurentiis piace da quando era «bambino», l’avrebbe preso dalla Sampdoria anche, ma...

    insigne insigne

     

    RUMBA DI SCUGNIZZI - Il Napoli fa sul serio, l’ha dimostrato in questi tre lustri dell’era De Laurentiis, è partito dal nulla ed è arrivato in Europa per dieci anni consecutivi, è alla sua sesta partecipazione in Champions League, si è regalato top player (come s’usa dire) o ha avuto la lungimiranza di lasciarli germogliare nel giardino del San Paolo. Mauro Icardi è una tentazione che può combinarsi in uno scenario ampio, articolato e non esageratamente complesso: il Napoli osserva, ascolta, sonda, rimane lì guardingo, consapevole che anche il proprio mercato potrebbe, improvvisamente e non clamorosamente, vibrare intorno a Lorenzo Insigne, il principe degli scugnizzi che al San Paolo ha dovuto sopportare varie insofferenze e che ha un manager capace di alimentare intorno ai propri assistiti le più apparentemente improbabili soluzioni.

    icardi icardi

     

    Il Napoli non ha l'esigenza di vendere

    Non lo è la possibilità che Insigne possa rientrare in questo valzer sulle punte, destinazione la Milano nerazzurra: è già esistito, e anche di recente, una sorta di consultazione dell’Inter, che ha provato a capire quanto venga valutato «il monello del gol». Il Napoli non ha l’esigenza di vendere il proprio capitano ma non ha neanche mai negato la possibilità che ciò possa succedere; e Raiola è cosciente delle difficoltà ambientali, un’infida preoccupazione da fronteggiare.

    insigne insigne ICARDI INTER NAPOLI ICARDI INTER NAPOLI insigne insigne icardi icardi wanda nara icardi wanda nara icardi

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie