• Dagospia

    LA SITUAZIONE È BRUTTA E PURE CONFUSA: SE BRUXELLES NON RICEVE DEGLI STATI DI AVANZAMENTO DEI LAVORI DEL PNRR, LA SECONDA RATA DA 25 MILIARDI RESTERÀ NATURA MORTA - A QUESTO PUNTO: O MARIOPIO SI DÀ UNA SVEGLIATA, SMETTE DI MEDIARE CON I PARTITI A CACCIA DEL CONSENSO PER TRASLOCARE AL QUIRINALE E RITORNA IL PREMIER DECISIONISTA DI DUE MESI FA O È MEGLIO CHE SMAMMI A FARE IL NONNO NEL SUO BUEN RETIRO IN UMBRIA -  QUALCOSA SI MUOVE SUL COLLE. E NON SONO SCATOLONI. SE I NUMERI DELLA PANDEMIA PRENDONO IL VOLO, PARECCHI ESPONENTI DI PARTITI DIVERSI SONO PRONTI A FIRMARE UN APPELLO A MATTARELLA AFFINCHÉ PROLUNGHI LA PERMANENZA SUL COLLE PER UN ALTRO ANNO


     
    Guarda la fotogallery

    DAGOREPORT

     

    mario draghi ursula von der leyen mario draghi ursula von der leyen

    La situazione è brutta e pure confusa: se non vengono portati a Bruxelles degli stati di avanzamento del Pnrr, la seconda rata da circa 25 miliardi resterà natura morta. Le analisi delle grande banche, a partire da Jp Morgan, sono tutte allarmate per la situazione di stallo della politica italiana. 

     

    L’uscita pro-Quirinale di Draghi ha irritato tutti i partiti, indebolendo l’azione di governo. Oggi, sulla “Stampa”, perfino il mite Marcello Sorgi lo sbatte al muro. A questo punto: o Mariopio si dà una svegliata, smette di mediare su tutto per trovare il consenso necessario per traslocare al Quirinale e ritorna il premier decisionista di due mesi fa o è meglio che smammi a fare il nonno nel suo buen retiro in Umbria. 

     

    mario draghi ursula von der leyen 2 mario draghi ursula von der leyen 2

    Il 12 gennaio si riunirà la segreteria del Pd, quindi il giorno dopo tocca alla direzione decidere il candidato. A seguire, il 14 si riunirà il centrodestra con Meloni, Salvini e metà di Forza Italia che non sanno come convincere Berlusconi a rinunciare ai sogni di gloria quirinalizia. Anche perché, una volta bocciato, il Banana non si trasformerà in king maker del centrodestra in quanto sia Meloni che Salvini si riprenderanno i loro voti e in mano a Silvio resteranno quelli di metà di forzisti fedeli che fanno capo a Tajani.

     

    MATTEO SALVINI MARIO DRAGHI MATTEO SALVINI MARIO DRAGHI

    L’altra metà anti-berluscona di Forza Italia ha lanciato in campo, a mo’ di provocazione, il nome di Frattini, un tipino educato, ex maestro di sci, benvoluto da tutti che detesta da sempre il vice presidente del partito, Tajani. Intanto, Letta e Salvini si sono approcciati al telefono e hanno preso un appuntamento per il giorno dopo le loro direzioni.

     

    Frattanto, qualcosa si muove sul Colle. E non sono scatoloni. Se i numeri della pandemia, come prefigurato dai virologi, prendono il volo e nella prossima settimana si innalzeranno a 400 mila contagiati giornalieri, parecchi esponenti di partiti diversi sarebbero pronti a firmare un appello a Sergio Mattarella affinché rimanga sul Colle per un altro anno. I segretari dei partiti seguiranno.

    draghi berlusconi draghi berlusconi

     

    Con la permanenza della Mummia Sicula che l’ha nominato, Draghi avrebbe maggior autorevolezza a guidare l’esecutivo. Come si è augurato l’altro giorno Macron, ringraziandoli. Contemporaneamente, sul Colle, consiglieri vicinissimi a Mattarella si stanno adoperando per convincerlo a restare in carica fino al voto politico del 2023.

     

     

    sergio mattarella emmanuel macron mario draghi sergio mattarella emmanuel macron mario draghi mario draghi sergio mattarella mario draghi sergio mattarella

    draghi letta draghi letta

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie