• Dagospia

    COMPAGNI DI SVENTURA – PIETRO MANCINI SI INCAZZA PER IL CORSIVO DELLA “JENA” CONTRO SALVINI: “È UN PUGNO IN FACCIA AI LETTORI DE LA STAMPA, GIORNALE IL CUI VICEDIRETTORE, CARLO CASALEGNO, FU IL PRIMO GIORNALISTA ITALIANO UCCISO DAI TERRORISTI DURANTE GLI ANNI DI PIOMBO. ALL'EPOCA, BARENGHI, IL CORSIVISTA ANTI-SALVINI, LAVORAVA AL MANIFESTO, VICINO ALLE POSIZIONI DELLA SINISTRA EXTRAPARLAMENTARE, CHE CONSIDERAVA I BRIGATISTI "COMPAGNI CHE SBAGLIANO" E FECE…”


     
    Guarda la fotogallery

    riccardo barenghi foto di bacco riccardo barenghi foto di bacco

    "JENA": “OGNI MATTINA, QUANDO SORGE IL SOLE, SALVINI SI SVEGLIA E SA CHE DOVRÀ DIRE UNA CAZZATA” – E “IL CAPITONE” SI INCAZZA: “SE QUESTO E’ GIORNALISMO…GRAZIE AL DIRETTORE DELLA STAMPA GIANNINI E ALLA ‘SIMPATICA’ JENA PER LA GENTILEZZA, LA PROFONDITA’ DI PENSIERO E IL RISPETTO PER I SUOI LETTORI”. E CHIUDE IL POST RISPOLVERANDO UN GRANDE CLASSICO: “BACIONI”

    https://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/quot-jena-quot-ldquo-ogni-mattina-quando-sorge-sole-salvini-si-262323.htm

     

    salvini europeista meme 8 salvini europeista meme 8

     

    CHE TRISTE LA IENA CHE ATTACCA GLI AVVERSARI POLITICI

    Pietro Mancini per “Libero Quotidiano”

     

    Ieri, su La Stampa, la Iena ha così attaccato Matteo Salvini, tra le "vittime" più frequenti dei graffi del corsivista del quotidiano torinese, Riccardo Barenghi, ex Il Manifesto: «Ogni mattina, quando sorge il sole, Salvini si sveglia e sa che dovrà dire una cazzata».

     

    ATTENTATO CONTRO CARLO CASALEGNO SU LA STAMPA ATTENTATO CONTRO CARLO CASALEGNO SU LA STAMPA

    Questa la risposta del leader della Lega: «Se questo è "giornalismo"... Grazie al direttore della Stampa, Giannini, ex commentatore de La Repubblica e alla "simpatica" Iena per la gentilezza, la profondità di pensiero ed il rispetto per i suoi lettori».

     

    Da un ex comunista e da un ex del quotidiano romano, da sempre anti-Lega, che lavorano nello stesso giornale, Salvini non può attendere, certo, pezzi meno livorosi. Spero che Walter Veltroni deplori questo contributo alle campagne di demonizzazione degli avversari, che ha denunciato, di recente, sul Corriere della Sera.

     

    JENA CONTRO SALVINI JENA CONTRO SALVINI

    Un pugno in faccia, quel corsivo, ai lettori de La Stampa, giornale con una storia e tradizioni moderate e liberali. E diretto, in passato, da grandi giornalisti, come Arrigo Levi, il cui vicedirettore, Carlo Casalegno, fu il primo giornalista italiano ucciso dai terroristi durante gli Anni di piombo.

     

    Il 16 novembre del '77, Casalegno fu vittima di un agguato da parte di un gruppo di fuoco della colonna torinese delle Br, formato da Raffaele Fiore, Patrizio Peci, Piero Panciarelli, Cristoforo Piancone e Vincenzo Acella. All'epoca, Barenghi, il corsivista anti-Salvini, lavorava al Manifesto, vicino alle posizioni della sinistra extraparlamentare, che considerava i brigatisti "compagni che sbagliano" e fece suo, con Lotta Continua (responsabile del delitto del commissario di polizia, Luigi Calabresi, a Milano, nel 1972), questo slogan: «Né con lo Stato né con le Brigate rosse»

    PIETRO MANCINI PIETRO MANCINI PIETRO MANCINI PIETRO MANCINI

    massimo giannini a dogliani massimo giannini a dogliani CARLO CASALEGNO CARLO CASALEGNO RICCARDO BARENGHI RICCARDO BARENGHI matteo salvini europeista by osho matteo salvini europeista by osho MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI IN SENATO APPLAUDE DRAGHI MATTEO SALVINI IN SENATO APPLAUDE DRAGHI MATTEO SALVINI AL QUIRINALE MATTEO SALVINI AL QUIRINALE Riccardo Barenghi Riccardo Barenghi

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie