• Dagospia

    POSTA! - MA SE DOPO AVER FATTO UN GOVERNO CON LA LEGA I 5 STELLE DOVESSERO FARNE UNO PURE COL PD, SI POTREBBE DIRE CHE PIÙ CHE UN MOVIMENTO GRILLO HA FONDATO UNA CASA DI TOLLERANZA? - DI MAIO È ASSAI PREOCCUPATO PER IL TAGLIO DEI PARLAMENTARI. SI TRANQUILLIZZI, COL M5S AL 14% LA SFORBICIATA NELLE URNE DI SICURO LO SODDISFERÀ...


     
    Guarda la fotogallery

    Riceviamo e pubblichiamo:

     

    Lettera 1

    conferenza stampa su reddito di cittadinanza e quota 100 24 conferenza stampa su reddito di cittadinanza e quota 100 24

    Caro Dago, Di Maio: "Governo forte affossato dalla Lega". Eh sì, dovremo dire addio alla crescita zero.

    Casty

     

    Lettera 2

    Caro Dago, ma se dopo aver fatto un governo con la Lega i 5 Stelle dovessero farne uno pure col Pd, si potrebbe dire che più che un Movimento Grillo ha fondato una casa di tolleranza?

    F.G.

     

    Lettera 3

    Mitico Dago, emerge chiaramente che in Italia abbiamo gli attributi belli grossi. In particolare due coglioni tanti. Hanno entrambi lo stesso nome di battesimo, si differenziano perché uno sta a destra e l’altro a sinistra. In comune hanno la capacità di riuscire a buttare nel cesso consenso elettorale.

    Stefano55

     

    Lettera 4

    CONTE DI MAIO SALVINI CONTE DI MAIO SALVINI

    Caro Dago, Di Maio e assai preoccupato per il taglio dei parlamentari. Si tranquillizzi, col M5s al 14% la sforbiciata nelle urne di sicuro lo soddisferà.

    Mario Canale

     

    Lettera 5

    Caro Dago, Piero Grasso (LeU): "Nessun inciucio, ma un governo tecnico per il voto". Finalmente una novità: l'inciucio tecnico.

    Scottie

     

    Lettera 6

    Caro Dago, Salvini si chiede cosa potrebbero fare PD e 5 Stelle assieme? La stessa cosa che hanno fatto lui è Di Maio nell'ultimo anno: litigare per occupare poltrone.

    gambino richard gere migrante gambino richard gere migrante

    E Banchi

     

    Lettera 7

    Caro Dago, mica avremo fatto tutto 'sto casino per ritrovarci Renzi?

    BarbaPeru 

     

    Lettera 8

    Caro Dago, dopo Richard Gere pure Antonio Banderas si occupa di vicende che non lo riguardano: i migranti a bordo della Open Arms. Ora manca solo George Clooney che forse tace per paura che se dovessero essere sbarcati in Italia vengano sistemati tutti nella sua villa sul lago di Como?

    A.Reale

     

    Lettera 9

    Cart Dago, Pd, Zingaretti stoppa Renzi: "No ad accordicchi con il M5s". Ma questo è sottointeso. Lo sanno tutti che coi 5 Stelle si fanno solo "contratti".

    richard gere sulla open arms 9 richard gere sulla open arms 9

    Lauro Cornacchia

     

    Lettera 10

    Caro Dago, l'Iran avverte Trump: "Non si aspetti una nostra telefonata". Abbiamo capito. Vogliono dimostrare che anche loro sono moderni e usano WhatsApp.

    Theo Van Buren

     

    Lettera 11

    Caro Dago, il lato positivo delle elezioni? Libererebbero il parlamento dagli opportunisti alla Cerno, dai finti moralisti alla Boldrini e Fico, da morosi vs il partito come Grasso e furbetti come De Falco e soci che hanno lasciato il movimento per non pagare i contributi dovuti e poi dai tanti ex (finti)  amici di Berlusconi. Non male...

    FB

    greta thunberg greta thunberg

     

    Lettera 12

    Caro Dago, durante la traversata dell'Atlantico in barca a vela, per recarsi all'Onu a New York, Greta Thunberg dovrà adattarsi a fare i bisogni in un secchio: trattandosi di una barca da competizione il wc non è previsto. Qualcuno controlli che le deiezioni gretine non diventino cibo per pesci, perché altrimenti che ambientalista sarebbe?

    Dario Tigor

     

    Lettera 13

    Caro Dago, "continua l'ondata di caldo in Italia. In alcune aree la temperatura del suolo, ma non quella dell'aria, è arrivata a 50 gradi". Non sanno più cosa raccontare per terrorizzare la gente sul clima. È una cosa talmente ovvia. Se ci sono 40 gradi col sole che picchia, quanti gradi dovrebbero esserci al suolo? Ricordo che durante la metà degli anni '80 al Tour de France facevava così caldo che la Gazzetta dello Sport pubblicava le foto dell'asfalto che si scioglieva talmente erano alte le temperature. Solo che allora non c'erano i maniaci del riscaldamento globale della sinistra delirante.

    proteste contro il cambiamento climatico proteste contro il cambiamento climatico

    A.B.

     

    Lettera 14

    Caro Dago, cinque anni fa il suicidio di Robin Williams. Il popolare attore si tolse la vita, impiccandosi con una cintura nella sua casa californiana di Tiburon, dopo che gli era stata diagnosticata una grave malattia neurodegenerativa. Chissà se la diagnosi era giusta. Anche i medici sbagliano. Ammazzarsi sulle loro previsioni sembra un po' bizzarro.

    Bibi

     

    robin williams robin williams

    Lettera 15

    Caro Dago, per l'Unhcr nel 2019 le morti di migranti nel Mediterraneo si sono dimezzate rispetto un anno fa ma il rischio è raddoppiato. Allora speriamo che nel 2020 non ne muoiano più di 10 (vorrei dire zero, ma qualche morto a causa dei trafficanti è inevitabile) col rischio al 95%. Cosi il problema sarebbe risolto.

    G.S.

     

    Lettera 16

    Caro Dago, sono in attesa trepidante di una pioggia di interventi sulla politica italiana in materia di accoglienza da parte di tutte le stelle di Hollywood. Propongo che Mattarella si rivolga ,tramite medium, agli spiriti di Stanlio e Ollio per decidere finalmente  cosa fare per toglierci dall'impasse governativa.

    Tua speranzosa,

    Maldasia

     

    Lettera 17

    DIALOGATORI UNHCR DIALOGATORI UNHCR

    Caro Dago, Salvini: "Pronto a proporre un patto a Meloni e Berlusconi. Le vecchie classificazioni non mi appassionano - spiega in un'intervista a "Il Giornale" -. Mettiamola così, oltre il vecchio centrodestra". Ahò, nel momento del bisogno si è ricordato degli "antichi" alleati. Di Maio non è più una "persona seria"?

    D.H.

     

    Lettera 18

    Dago darling, ovviamente il vecchio e quasi mummificato Richard Gere sa che "There is no business like show business". Che triste fine però sul suo Viale del tramonto, da "American gigolo" a "New Slavery gigolo". Ovviamente lui non sa (?) che in Italia, indipendentemente da chi governa a Roma, ci sono gli schiavi (in genere migranti). Come c'erano nella tratta storica degli schiavi africani quando servivano per coltivare canna da zucchero e cotone nelle Americhe.

     

    richard gere sulla open arms 8 richard gere sulla open arms 8

    A volte é meglio finire in un elenco dei "Forever young" (come Monty Clift, James Dean, Marylin, ecc. ecc.) che finire così a far marchette a favore di quel 1% della popolazione mondiale che detiene il 99% delle ricchezze mondiali. 

     

    Quanto ci vuole dal fantomatico Stretto di Sicilia per raggiungere un porto sicuro come l'imperiale Ajaccio, dove non c'é la "cattivissima estrema destra" (media francesi) italiana a governare, ma la "Douce France" di Macron "et sa maman". Con tutte le loro grandeur, "force de frappe" anche atomica e legione straniera a fare chissà quanti lavori sporchi. E tutti i "bobos" francesi, che rimpiangono "L'Italie de Bertolucci", ne sarebbero felici e contenti e la smetterebbero di insultarci ("ah cette pauvre Italie", ecc.).

     

    Loro che si sono messi "democraticamente" in un "cul de sac" de facto oscurantista che nega persino le libertà di espressione e di satira. E meno male che la divina Marchesa di Pompadour, protettrice degli illuministi veri, ha dormito così poche volte (forse mai) nell'allora suo Palazzo dell'Eliseo che il suo fantasma non si degnerà mai di disturbare le notti di Emanuel e Brigitte. Ossequi 

    Natalie Paav

     

    Lettera 19

    Chirac in compagnia di Claudia Cardinale Chirac in compagnia di Claudia Cardinale

    Dear Dago, Il popolo bue, che poi è maggioranza nel suffragio universale, vede la politica come ricerca della vacca cui allattarsi, ma quando si sente preso in giro, su una questione semplice, reagisce negando le previsioni dei più precisi sondaggi. Nella storia recente ci sono casi in cui chi era al governo, senza alcuna necessità se non lo scopo dichiarato di aumentare la propria maggioranza, ha indetto nuove elezioni per poi perderle.

    A metà anni novanta il repubblicano Chirac fu costretto a coabitare con un primo ministro socialista (il tristissimo Jospin), la May è finita per dover imbarcare gli impestati nord irlandesi e anche il suo predecessore, il geniale Cameron, ha scatenato la Brexit in un referendum che doveva portarlo in gloria.

    Gianni Barberi

     

    Lettera 20

    matteo salvini pollice verso a renzi matteo salvini pollice verso a renzi

    Mi sa tanto che il sig. Salvini, il quale ha reclamato al popolo "pieni poteri", forse assalito da un delirio ossessivo, clinico e morboso di onnipotenza, incarni un'altra versione, in salsa padano-populista, del sig. Renzi. Non è per caso che entrambi si chiamino Matteo. Ma le analogie non si limitano soltanto al nome battesimale. Entrambi sono in qualche misura legati al sig. Denis Verdini, potente banchiere ed imprenditore, già sponsor e fautore del "Patto del Nazareno" siglato tra Berlusconi e Matteo Renzi, attuale suocero di Salvini ed ex plenipotenziario di Forza Italia.

     

    In questa comune affinità si può individuare la chiave di lettura e di analisi per comprendere i recenti fatti di cronaca politica. Mi riferisco alla crisi di governo aperta dal capo della Lega Nord con il pretesto ridicolo del voto espresso dal M5S (ben noto a tutti) sulla questione della Tav. È chiaro che il gioco di Salvini è stato studiato e preparato a tavolino da tempo. Anziché governare, si è prodigato e consumato in una campagna elettorale permanente, senza sosta, pompando a più non posso i consensi elettorali, anche e soprattutto a spese del M5S.

     

    salvini renzi salvini renzi

    Questo si è dimostrato una "armata Brancaleone", composta perlopiù da ingenui, maldestri, mediocri, cialtroni, sprovveduti, dilettanti allo sbaraglio (e non solo perché si sono fidati di un pessimo, subdolo, pericoloso soggetto qual è Salvini). Temo di essere stato fin troppo magnanimo nella scelta degli aggettivi adoperati. Per la classica serie: "chi è cagion del suo male pianga sé stesso", i grullini oggi piangono e si lamentano del proprio ex alleato di governo, apostrofandolo "traditore", o in altra maniera, ma (chiedo) che cosa ci si poteva aspettare da un tipo del genere?

    Lucio Garofalo

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie