• Dagospia

    "AVEVO UNA MISSIONE CHIARA: QUELLA DI FAR STAR BENE MIA MAMMA. TUTTO IL RESTO ERA SECONDARIO" - ROBERT PERIC-KOMSIC, 23ENNE PROMESSA DEL CALCIO CROATO, HA DECISO DI METTERE IN PAUSA LA SUA CARRIERA PER DONARE IL FEGATO ALLA MADRE MALATA: "IN QUEL MOMENTO NON PENSAVO NEMMENO ALLA MIA CARRIERA CALCISTICA. " - L'INTERVENTO È STATO ESEGUITO A MARZO E NEL FRATTEMPO IL FEGATO DEL CALCIATORE SI È RIGENERATO E TRA POCO POTRÀ TORNARE A GIOCARE…


     
    Guarda la fotogallery

    Robert Peric-Komsic e la madre Robert Peric-Komsic e la madre

    Alessia Strinati per www.leggo.it

     

    Mette in pausa la sua carriera da calciatore per donare il fegato alla mamma. Robert Peric-Komsic, una promessa del calcio di 23 anni che gioca nel Cibalia, una squadra croata, dal 2020, ha deciso di mettere in pausa la sua carriera per donare il 70% del suo fegato alla madre malata.

     

    La donna da anni combatteva contro una brutta malattia e alla fine il figlio ha scelto di ridarle una vita normale. «È andato tutto benissimo, sia l'operazione che il recupero», ha detto il 23enne, «Grazie a Dio, ora stiamo entrambi bene e mia madre ha finalmente ottenuto una nuova vita dopo 13 anni di dura lotta». L'intervento è stato eseguito a marzo e nel tempo il fegato del calciatore si è rigenerato, così che tra poco potrà anche tornare a giocare.

    Robert Peric-Komsic Robert Peric-Komsic

     

    Le condizioni della mamma sono precipitate in fretta, tanto che i medici avevano parlato di un'aspettativa di vita di pochi giorni, così per il figlio non è stato più possibile aspettare. «Avevo un quadro del tutto chiaro del rischio, ma in quel momento non pensavo nemmeno alla mia carriera calcistica. Avevo una missione chiara: quella di far star bene mia mamma. Tutto il resto era secondario».

     

     Tuttavia il ragazzo resta molto umile e nel corso dell'intervista a un quotidiano locale ha fatto sapere di non sentirsi minimamente un'eroe, ma di considerare tale solo la madre che è stata capace per tanti anni di lottare contro la malattia senza arrendersi mai e sempre con il sorriso.

    Robert Peric-Komsic Robert Peric-Komsic Robert Peric-Komsic Robert Peric-Komsic Robert Peric-Komsic Robert Peric-Komsic Robert Peric-Komsic Robert Peric-Komsic Robert Peric-Komsic Robert Peric-Komsic

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie