• Dagospia

    SI SALVINI CHI PUÒ – IL MINISTRO DELL’INTERNO ORMAI CI PROVA GUSTO A UMILIARE LUIGI DI MAIO, E INFATTI ALZA L'ASTICELLA E VUOLE TRASFORMARE LA MOZIONE SULLA TAV IN UNA GIGANTESCA GOGNA PUBBLICA DEL LEADER GRILLINO – LE CONFIDENZE SADICHE AI SUOI: “VEDIAMO FINO A CHE PUNTO È DISPOSTO A FARSI MORTIFICARE…”


     
    Guarda la fotogallery

     

    Adalberto Signore per www.ilgiornale.it

     

    LUIGI DI MAIO E MATTEO SALVINI INVECCHIATI CON FACEAPP LUIGI DI MAIO E MATTEO SALVINI INVECCHIATI CON FACEAPP

    Infierisce. Senza remore e senza esitazione alcuna. Anzi, chi conosce bene Matteo Salvini riesce a cogliere nelle pieghe delle sue espressioni e nel tono della sua voce un misto di compiacimento e perfidia. Più Luigi Di Maio è prostrato, schiacciato da quella che oggi sarà l'ennesima Caporetto identitaria del Movimento, più il ministro dell'Interno affonda i colpi. L'obiettivo è chiaro: trasformare il voto delle sei mozioni sulla Tav in programma al Senato in una sorta di gigantesca gogna pubblica del leader grillino.

    di maio no tav di maio no tav

     

    Umiliarlo per poi sottometterlo e quindi schiacciarlo politicamente. Ufficializzare ciò che è ormai nei fatti da molti mesi: la Lega comanda, il M5s asseconda. Fino a quando Di Maio non sarà più in grado di reggere una tensione che pesa ogni giorno di più, alimentata dal bombardamento continuo di Salvini. «Vediamo fino a che punto è disposto a farsi mortificare», confidava in privato qualche giorno fa - e con termini decisamente più coloriti - il vicepremier leghista, convinto che arriverà il momento in cui il suo collega vicepremier non sarà più in grado di sopportare la tensione e gli servirà su un piatto d'argento il presto giusto per aprire la crisi. «Vedrete, alla fine esploderà...».

    matteo salvini incontra le parti sociali al viminale matteo salvini incontra le parti sociali al viminale

     

    Così, anche ieri è stata una vera e propria raffica di provocazioni. Sulla Tav, ovviamente. Con Salvini che pur di mettere un dito nell'occhio a Di Maio è disposto a «votare tutte le mozioni a sostegno della crescita». Traduzione: oggi la Lega è pronta a sostenere non solo le risoluzioni di Forza Italia e Fratelli d'Italia, ma pure quelle di +Europa e perfino del Pd (che potrebbe infatti chiedere il voto per parti separate così che il Carroccio possa approvare solo il dispositivo della mozione e non la premessa che è fortemente antigovernativa).

     

    LUIGI DI MAIO E MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO E MATTEO SALVINI

    Insomma, l'ennesimo schiaffo al M5s. Con Salvini che, dicono dal suo entourage, nel pomeriggio potrebbe chiedere formalmente a Giuseppe Conte la testa del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Ma il titolare del Viminale ieri non si è limitato alla questione Tav. Dopo aver agitato lo spauracchio delle elezioni anticipate («vedremo a breve, anche prima di settembre», l'ha buttata lì quasi per caso), ha messo in discussione il reddito di cittadinanza, il salario minimo e pure il decreto Dignità, tutte misure care al M5s.

     

    salvini toninelli salvini toninelli MASSIMO GARAVAGLIA LAURA CASTELLI MASSIMO GARAVAGLIA LAURA CASTELLI

    Per poi disegnare la prossima legge di Bilancio in chiave anti-Tria. A differenza di quanto sostiene il ministro dell'Economia, infatti, «la manovra non può essere il gioco delle tre carte» e va fatta andando «oltre la spesa corrente», cioè in deficit. «Pensiamo a 10-15 miliardi di riduzione tasse e al superamento del bonus Renzi», spiega il viceministro all'Economia Massimo Garavaglia durante l'incontro con le parti sociali al Viminale.

     

    matteo salvini e armando siri incontrano le parti sociali al viminale 2 matteo salvini e armando siri incontrano le parti sociali al viminale 2

    Un tavolo cui era presente anche Armando Siri, l'ex sottosegretario leghista dimissionato da Conte perché indagato per corruzione. L'ennesima provocazione a Di Maio, che la testa di Siri l'aveva pretesa con forza. Ma che ieri sul punto si è ben guardato di fare polemica.

     

    alberto perino 3 alberto perino 3

    D'altra parte, lo stato di prostrazione del leader grillino è totale. Basti pensare che ieri persino il leader storico del movimento No Tav, Alberto Perino, non ha esitato a definire la mozione del M5s «una presa per i fondelli». E se davvero oggi Salvini dovesse pretendere la testa di Toninelli, Di Maio gliela consegnerebbe senza troppe storie. Nel gioco del cerino di una crisi che prima o poi arriverà, infatti, l'obiettivo dei due vicepremier è quello di non scottarsi.

     

    GIOVANNI TRIA MATTEO SALVINI GIOVANNI TRIA MATTEO SALVINI

    Mai come in questi giorni, però, Salvini ha alzato i toni sopra il limite di guardia. Forse perché, si sussurra nei Palazzi della politica, il via libera della Camera al taglio del numero dei parlamentari (da 945 a 600) previsto per la metà di settembre potrebbe diventare una sorta di spartiacque della legislatura. Soprattutto se fossero veri i rumors secondo cui non solo l'opposizione ma anche il M5s a quel punto non escluderebbe di rimettere mano alla legge elettorale. Uno scenario che allontanerebbe - e di molto - eventuali elezioni anticipate.

    giancarlo giorgetti massimo garavaglia giancarlo giorgetti massimo garavaglia MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO matteo salvini giovanni tria matteo salvini giovanni tria matteo salvini luigi di maio matteo salvini luigi di maio salvini di maio salvini di maio GIUSEPPE CONTE PINOCCHIO IN MEZZO AL GATTO (LUIGI DI MAIO) E LA VOLPE (MATTEO SALVINI) MURALE BY TVBOY GIUSEPPE CONTE PINOCCHIO IN MEZZO AL GATTO (LUIGI DI MAIO) E LA VOLPE (MATTEO SALVINI) MURALE BY TVBOY TONINELLI DI MAIO SALVINI 19 TONINELLI DI MAIO SALVINI 19 MATTEO SALVINI VLADIMIR PUTIN GIUSEPPE CONTE LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI VLADIMIR PUTIN GIUSEPPE CONTE LUIGI DI MAIO

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie