• Dagospia

    TU CHIAMALE SE VUOI, DELAZIONI – IL GOVERNO BRITANNICO INVITA A DENUNCIARE I VICINI DI CASA NEL GIORNO IN CUI È STATA INTRODOTTA LA “REGOLA DEL 6”, OSSIA IL DIVIETO DI RIUNIRSI ANCHE IN CASA E TRA FAMILIARI, IN GRUPPI DI PIÙ DI SEI PERSONE - CHI VIOLA LA DISPOSIZIONE RISCHIA MULTE CHE PARTONO DA 100 STERLINE E POSSONO ARRIVARE FINO A 3.200 – SE LA REGOLA RIMARRÀ FINO A NATALE GLI INGLESI POSSONO SCORDARSI LE RIUNIONI FAMILIARI…


     
    Guarda la fotogallery

    Luigi Ippolito per "www.corriere.it"

     

    coronavirus gran bretagna 1 coronavirus gran bretagna 1

    «Denunciate i vicini di casa»: è l’indicazione venuta dal governo britannico nel giorno in cui è scattata la «regola del 6», ossia il divieto di riunirsi, anche in casa e tra familiari, in gruppi di più di sei persone.

     

    Chi viola la disposizione rischia multe che partono da 100 sterline e possono arrivare fino a 3.200: e ora c’è l’incoraggiamento a spiare nel giardino dei vicini per riferire alle autorità eventuali barbecue non autorizzati.

     

    boris johnson 1 boris johnson 1

    La regola del sei è stata introdotta da Boris Johnson di fronte a una crescita esponenziale dei contagi da coronavirus: ieri sono stati registrati 3.300 nuovi casi, oltre quota 3.000 per il terzo giorno consecutivo. Già in diverse città si era fatto ricorso a lockdown localizzati, ma ora il governo è stato costretto a imporre un provvedimento su scala nazionale di fronte al timore di una seconda ondata del Covid.

     

    La popolazione, ovviamente, non è affatto contenta. Non sono più possibili pranzi con zii e nonni e il timore è che, se la regola del sei rimarrà in vigore fino a Natale, gli inglesi dovranno dire addio alla tradizionale tavolata di fronte al tacchino fumante: uno choc culturale.

     

    coronavirus gran bretagna 3 coronavirus gran bretagna 3

    Perfino dai giornali vicini al governo arrivano brontolii per una legislazione che è vista come lesiva della libertà personale (le uniche eccezioni alla regola del sei sono le scuole, gli uffici, i matrimoni e i funerali). Ma a livello politico anche il leader del partito laburista d’opposizione, Keir Starmer, ha dato il suo appoggio.

    boris johnson boris johnson coronavirus gran bretagna 5 coronavirus gran bretagna 5 coronavirus gran bretagna 1 coronavirus gran bretagna 1 slogan fase 2 coronavirus gran bretagna slogan fase 2 coronavirus gran bretagna boris johnson 2 boris johnson 2 coronavirus gran bretagna 7 coronavirus gran bretagna 7 coronavirus gran bretagna 3 coronavirus gran bretagna 3 coronavirus gran bretagna 6 coronavirus gran bretagna 6

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie