• Dagospia

    SE NON VEDONO, NON CREDONO - UN GRUPPO DI 30 PROFESSORI E SCIENZIATI DI HARVARD, YALE E UCLA HA CHIESTO ALLA FOOD & DRUG ADMINISTRATION DI CONDIVIDERE I DATI SU CUI SI SONO BASATI PER APPROVARE IL VACCINO PFIZER - PER SODDISFARE LA RICHIESTA, IN AMERICA REGOLATA DA UNA LEGGE SULLA TRASPARENZA, L'AGENZIA HA FATTO SAPERE DI AVER BISOGNO DI 55 ANNI DI TEMPO - SECONDO I QUERELANTI, INVECE, LA FDA DOVREBBE RILASCIARE TUTTO IL MATERIALE ENTRO IL 3 MARZO 2022: "LO STESSO TEMPO CHE HA IMPIEGATO PER APPROVARE IL VACCINO" 


     
    Guarda la fotogallery

    Dagotraduzione dalla Reuters

     

    food and drug administration food and drug administration

    Le richieste del Freedom of Information Act raramente sono rapide, ma quando un gruppo di scienziati ha chiesto al governo federale di condividere i dati su cui si è basato per autorizzare il vaccino Covid-19 di Pfizer, la risposta è andata oltre il tipico trascinamento burocratico. Oltre di 55 anni. È il tempo che la Food & Drug Administration ha proposto al tribunale per rivedere e rilasciare il tesoro di documenti relativi al vaccino che rispondono alla richiesta.

     

    pfizer 7 pfizer 7

    Se il giudice federale del Texas sarà d’accordo, i querelanti, Public Health e Medical Professionals for Transparency potranno vedere il documento completo nel 2076.

     

    La legge FOIA (Freedom of Information Act) del 1967 impone alle agenzie federali di rispondere alle richieste di informazioni entro 20 giorni lavorativi. Ma, il tempo necessario per ottenere effettivamente «varia a seconda della complessità della richiesta e dell’eventuale arretrato di richieste già in sospeso presso l’agenzia» dice il sito web del governo sul FOIA.

     

    pfizer 4 pfizer 4

    Gli avvocati del Dipartimento di Giustizia che rappresentano la FDA dicono, nei documenti consegnati al tribunale, che i querelanti chiedono un’enorme quantità di materiale relativo al vaccino, circa 329.000 pagine.

     

    I querelanti, un gruppo di oltre 30 professori e scienziati di università tra cui Yale, Harvard, UCLA e Brown, hanno intentato causa a settembre presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti del Texas, chiedendo un accesso rapido ai documenti. Sostengono che rilasciare le informazioni potrebbe aiutare a rassicurare gli scettici sul vaccino e a fargli capire che il vaccino è davvero «sicuro ed efficace e, quindi, aumentare la fiducia nel vaccino Pfizer».

     

    pfizer 3 pfizer 3

    Ma la FDA non può semplicemente consegnare i documenti all’ingrosso. I registri devono essere rivisti per oscurare «informazioni commerciali riservate e segreti commerciali di Pfizer e BioNTech e informazioni sulla privacy personale dei pazienti che hanno partecipato a studi clinici» hanno scritto gli avvocati del DOJ in un rapporto presentato lunedì.

     

    La FDA quindi propone di rilasciare 500 pagine al mese su base continuativa, osservando che la filiale che gestirà la revisione ha solo 10 dipendenti e sta attualmente elaborando circa altre 400 richieste FOIA.

     

    pfizer 2 pfizer 2

    «Elaborando ed effettuando risposte intermedie basate su incrementi di 500 pagine, la FDA sarà in grado di fornire più pagine a più richiedenti, evitando così un sistema in cui poche richieste di grandi dimensioni monopolizzano risorse di elaborazione limitate e dove vengono soddisfatte meno richieste dei richiedenti» hanno detto gli avvocati, citando altre sentenze che confermavano la loro scelta.

     

    Gli avvocati dei querelanti sostengono che la loro richiesta dovrebbe avere la massima priorità e che la FDA dovrebbe rilasciare tutto il materiale entro e non oltre il 3 marzo 2022. «Questo periodo di 108 giorni è lo stesso tempo impiegato dalla FDA per rivedere i documenti reattivi per il compito molto più intricato di autorizzare il vaccino COVID-19 di Pfizer», hanno scritto Aaron Siri di Siri & Glimstad a New York e John Howie di Howie Law a Dallas nei documenti del tribunale.

     

    pfizer 1 pfizer 1

    «Lo scopo del FOIA è garantire la trasparenza del governo», hanno continuato. «È difficile immaginare che ci sia una necessità di trasparenza più importante rispetto alla divulgazione immediata dei documenti su cui si basa la FDA per autorizzare un prodotto che ora viene richiesto a oltre 100 milioni di americani, pena la perdita della loro carriera, del loro reddito, del loro status di servizio militare, e molto peggio».

     

    Sostengono inoltre che il titolo 21, sottocapitolo F delle norme della FDA stessa stabilisce che l'agenzia «deve rendere “immediatamente disponibili” tutti i documenti alla base della licenza di un vaccino». Dato l'intenso interesse pubblico per il vaccino, gli avvocati dei querelanti affermano che la FDA «avrebbe dovuto prepararsi a rilasciare (i dati) contemporaneamente alla concessione della licenza. Invece ha fatto il contrario».

     

    Vaccini Vaccini

    Per rispettare la scadenza FOIA proposta dai querelanti, la FDA dovrebbe elaborare 80.000 pagine al mese. Ma i querelanti notano che la FDA ha 18.000 dipendenti e un budget di 6 miliardi di dollari e «ha affermato che non c'è niente di più importante della licenza di questo vaccino e della trasparenza su questo vaccino».

     

    A dire il vero, la maggior parte delle persone - comprese quelle che proclamano ipocritamente "faccio le mie ricerche" - non hanno l'esperienza per valutare le informazioni. Ma i querelanti, tra cui ci sono anche professori stranieri provenienti da Regno Unito, Germania, Danimarca, Australia e Canada, sembrano essere ben posizionati per farlo.

     

    Pfizer Pfizer

    Come sostengono Siri e Howe, «la revisione di queste informazioni risolverà il dibattito pubblico in corso sull'adeguatezza del processo di revisione della FDA». Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Mark Pittman ha fissato una conferenza di programmazione per il 14 dicembre a Fort Worth per considerare la tempistica per l'elaborazione dei documenti.

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie