• Dagospia

    UNA BOMBA SUL CALCIO ITALIANO - IL GOVERNO BLOCCA LA MAXI-SANATORIA FISCALE: NIENTE DILAZIONI AI CLUB - LA CIFRA IN BALLO È ALTISSIMA: CIRCA 600 MILIONI DI EURO TRA TASSE E CONTRIBUTI PREVIDENZIALI. DUE SOCIETA’ A RISCHIO FALLIMENTO - QUATTRO CLUB HANNO CONGELATO TUTTI I VERSAMENTI: LAZIO (CHE HA UN DEBITO ATTORNO AI 40 MILIONI), TORINO, VERONA E SAMPDORIA – IL MINISTRO ABODI: “IL CALCIO NON È UN MONDO A PARTE, NON C'È ALCUNA RATEIZZAZIONE SUL TEMA”


     
    Guarda la fotogallery

    Estratto da il Messaggero

     

    Pace fiscale per il pallone?

    andrea abodi foto mezzelani gmt andrea abodi foto mezzelani gmt

    Non se ne parla. Il governo chiude la porta in faccia alle società professionistiche del calcio italiano a caccia del gol risolutivo capace di tirarle fuori, almeno per il momento, da un bel guaio tributario. Con diversi interventi legislativi, negli ultimi 3 anni, lo Stato ha sospeso i versamenti delle ritenute Irpef sugli stipendi, i contributi previdenziali e l'Iva. Una scelta originata dalla volontà di alleviare le difficoltà dei club, già in crisi da tempo, e angustiati dal calo dei ricavi prodotto dalle restrizioni anti Covid. Vale a dire stadi chiusi, tornei fermi o a singhiozzo con tracollo del giro d'affari.

     

    La moratoria fiscale, però, sta per terminare e, secondo le attuali norme, le società di A, B e Legapro andranno saldare tutti i debiti entro il prossimo 22 dicembre. Un incubo per le società di calcio professionistico che, tranne pochissime eccezioni, tra le quali la Fiorentina, si sono avvalse di questa possibilità.

     

    andrea abodi foto mezzelani gmt (c)1795 andrea abodi foto mezzelani gmt (c)1795

    I NUMERI La cifra in ballo è altissima, circa 600 milioni di euro complessivi (a fine aprile la cifra cumulata era di 444 euro, inevitabilmente saliti nel resto dell'anno) tra tasse e contributi previdenziali e, secondo quanto filtra, il versamento entro fine anno manderebbe in default almeno un paio di società. Quattro club hanno congelato tutti i versamenti: Lazio (un debito attorno ai 40 milioni), Torino, Verona (17) e Sampdoria (le ultime due in grande difficoltà). Ma in coda ce ne sono anche altre in A per arrivare alla somma di 600 milioni.

     

    La Roma è a quota 38 milioni, ma avrebbe già accantonato in bilancio le risorse finanziarie per regolare subito i debiti con l'erario. Da settimane i club, con il presidente della Lazio, Claudio Lotito (che è anche vicepresidente della commissione Bilancio del Senato) in testa, premono sulle istituzioni politiche per trattare una ulteriore tregua fiscale. Ma dal governo, ieri, è arrivato un primo no.

    lorenzo casini foto di bacco (4) lorenzo casini foto di bacco (4)

     

    LE LINEE GUIDA A poco più di un mese dalla sua nomina a ministro per lo sport e per i giovani, Andrea Abodi ha infatti presentato alla Commissione Cultura le linee programmatiche del suo dicastero per i prossimi 5 anni e ha parlato di tutto ma in particolare proprio per richiesta della Serie A di una proroga per pagare i debiti. Una richiesta che non trova accoglienza da parte del governo perché, ha detto Abodi, «il calcio non è un mondo a parte, la posizione che abbiamo assunto è nota: non c'è alcuna rateizzazione sul tema, ma solo un differimento tecnico dei termini dal 16 al 22 dicembre».

     

    andrea abodi foto mezzelani gmt1818 andrea abodi foto mezzelani gmt1818 lorenzo casini foto di bacco lorenzo casini foto di bacco

     

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie