• Dagospia

    CAVALLO DI TROJAN NELLA MAGGIORANZA – IL NODO GIUSTIZIA SARÀ IL TERRENO PIÙ SCIVOLOSO PER LA VARIOPINTA ALLEANZA CHE SOSTIENE IL GOVERNO DRAGHI: PROVA NE È IL BLITZ TENTATO DAI GRILLINI CON IL DECRETO BONAFEDE. CON LA SCUSA DELLE TARIFFE, INTRODUCEVA UN USO MOLTO AMPIO DEL MALWARE – L'AZZURRO SISTO MEDIA, MA LA RESA DEI CONTI È SOLO RINVIATA


     
    Guarda la fotogallery

     

     

    Luca Fazzo per "il Giornale"

     

    alfonso bonafede alfonso bonafede

    Un escamotage targato Bonafede, un decreto che dietro l'apparenza innocua portava un colpo sotto la cintura alla privacy dei cittadini: ieri la Commissione Giustizia della Camera si è trovata davanti il provvedimento che l'allora ministro della Giustizia, il grillino Alfonso Bonafede, aveva steso nel 2020 per disciplinare l'uso dei trojan, i «captatori informatici» divenuti l'ultima frontiera delle intercettazioni. Il decreto in teoria serviva a mettere ordine nella giungla dei prezzi di un servizio appaltato interamente ai privati.

     

    ENRICO COSTA ENRICO COSTA

    Di fatto, il testo dell'ex ministro apriva la porta all'utilizzo dei trojan non solo per ascoltare telefonate e conversazioni dal vivo, ma anche per succhiare l'intera vita precedente del titolare. Una tariffa per estrapolare la rubrica una per e password, una per l'archivio fotografici, una per le chat, eccetera.

     

    lucia annibali lucia annibali

    Contro il «supertrojan» era partito all'attacco nei giorni scorsi Enrico Costa, deputato del gruppo Misto, ex sottosegretario alla Giustizia, che lo definisce una «perquisizione illegale permanente». Fortemente critici tutto il centrodestra e pure Italia Viva che con Lucia Annibali sottolinea un'altra stortura del tariffario di Bonafede, ovvero il servizio di intercettazione e presso i privati, «quando la legge prevede espressamente che si possa fare solo in uffici giudiziari o di polizia».

     

    alfonso bonafede alfonso bonafede

    Di fronte a quella che appariva una frattura insanabile all'interno della maggioranza, con i 5 Stelle - attraverso la relatrice Giulia Sarti - arroccati a difesa del progetto Bonafede, il governo manda ieri in commissione il sottosegretario Francesco Paolo Sisto con la missione precisa di evitare una nuova grana sul delicato fronte della Giustizia.

     

    trojan malware trojan malware

     E Sisto riesce a ricomporre i pezzi con un testo che di fatto raccoglie le obiezioni principali: sparisce per esempio la «remotizzazione», cioè la possibilità che il flusso delle notizie dal telefono infettato vada a finire nelle sedi delle società private, come avvenuto per esempio nel caso Palamara, con tutti i dubbi conseguenti sulla tutela da manomissioni e alterazioni.

     

    FRANCESCO PAOLO SISTO E LE SUE BUFFE SCIARPE FRANCESCO PAOLO SISTO E LE SUE BUFFE SCIARPE

    E il supertrojan, che fine fa? La mediazione prevede che le tariffe relative rimangano nella tabella dei prezzi, in modo da avere un riferimento nel caso che la norma dovesse cambiare in futuro, ma sparisce dal testo del decreto ministeriale: che in questo modo ottiene alla fine il parere favorevole e viene inoltrato alla commissione Bilancio per l'approvazione finale.

     

    GIULIA SARTI GIULIA SARTI

    Resta la percezione netta di come il nodo giustizia sia destinato a essere tra i terreni più scivolosi per la maggioranza variopinta che sostiene il governo Draghi, quello dove si manifestano più chiaramente le diversità profonde che la attraversano. Basti pensare a come il decreto Bonafede fornisse di fatto, nella sua formulazione originaria, una libertà di manovra quasi assoluta alle Procure nell'utilizzo dei trojan come arma di indagine, e proprio per questo fosse caro al popolo grillino. E proprio per questo è stato vissuto da pezzi rilevanti della maggioranza come un favore inaccettabile al «partito delle manette». Ieri, alla fine, in qualche modo la mediazione è stata raggiunta, in attesa della prossima occasione di scontro interno tra populisti e giustizialisti.

    trojan malware trojan malware francesco paolo sisto avvocato difensore di lucrezia borgia francesco paolo sisto avvocato difensore di lucrezia borgia trojan trojan trojan malware trojan malware

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie