• Dagospia

    COSA CAMBIERÀ CON SPADAFORA MINISTRO DELLO SPORT? L’ESPONENTE GRILLINO E’ STATO IN PASSATO VICINO A ‘ITALIA FUTURA’ E CONOSCE DA ANNI MALAGO’: IN BALLO LA RIFORMA DELLO SPORT DI GIORGETTI, CHE HA TOLTO AL CONI LA GESTIONE DELLA CASSA. SI PARLA DI UN PASSO INDIETRO DI SABELLI, AD DI ‘SPORT E SALUTE’, IL NUOVO ORGANISMO DI CUI E’ AZIONISTA UNICO IL MINISTERO DELL’ECONOMIA (E DUNQUE IL DEM GUALTIERI) 


     
    Guarda la fotogallery

    vincenzo spadafora vincenzo spadafora

    Ferdinando Mezzelani per Dagospia

    Valerio Piccioni per la Gazzetta dello Sport

     

    Sarà Vincenzo Spadafora il nuovo ministro delle politiche giovanili e dello sport.

    L' esponente pentastellato, uno dei «trattativisti» della prima ora sull' asse con il Pd, sarà dunque il titolare della delega fino a ieri nelle mani di Giorgetti. Si torna dunque al ministero dello sport, anche se senza portafogli.

     

    Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 002 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 002

    Spadafora, 44 anni, sottosegretario nel precedente governo Conte con la delega a giovani e pari opportunità, è nato ad Afragola (Napoli). È stato il primo garante per l' infanzia d' Italia e il più giovane presidente dell' Unicef. Politicamente, dopo Udeur e Verdi, è stato capo di gabinetto di Rutelli ai Beni Culturali e ha partecipato a Italia Futura con Montezemolo.

     

     

    Premesso che la parola sport non figura nel programma «ufficioso» di governo (dove c' è anche come ministro delle infrastrutture Paola De Micheli, presidente della lega volley femminile), che cosa significa la nomina di Spadafora? Assegnare al Pd la delega sarebbe stato dire: qui si cambia parecchio.

     

    Ma la mancata scelta di Simone Valente, papà della riforma con Giorgetti, da diversi anni plenipotenziario «sportivo» 5 Stelle, potrebbe rappresentare comunque una parziale discontinuità. La riforma, rivendicata da Conte come un successo anche nella prolusione antisalviniana al Senato, non è in discussione, si possono però immaginare correzioni nella sua messa a terra.

     

    spadafora spadafora

    Spadafora, che conosce da anni il presidente del Coni Giovanni Malagò, è un «tifoso» del professionismo femminile. Su facebook, ha salutato con entusiasmo la prima volta di un arbitro donna in una finale calcistica europea: «Segnale importante in uno sport da sempre maschio-centrico» .

     

    2. LA VENDETTA DI MALAGÒ CACCIA DI CASA SABELLI E GLI TOGLIE LE AUTO

    Matteo Pinci per la Repubblica

     

    Dalla lite al divorzio, fino alle vendette. Lo sport è in guerra con se stesso: da una parte c' è Giovanni Malagò, presidente del Coni, dall' altra Rocco Sabelli, ad di Sporte e Salute, la nuova società voluta dall' ex sottosegreatrio Giorgetti che al Coni ha prima tolto un portafoglio da oltre 400 milioni all' anno e poi la gestione dei biglietti omaggio dell' Olimpico.

     

    giancarlo giorgetti vincenzo spadafora giancarlo giorgetti vincenzo spadafora

    Malagò ne aveva 536 a partita, in un anno fanno oltre 20 mila posti da spartire. «Clientele», per Sabelli, che ora gliene garantisce solo 20 (o 12 se gioca la Lazio). Malagò li ha rifiutati, ieri poi ha aperto una guerra del tutto personale durante la Giunta Coni, a cui ha detto di non voler avere più nulla a che fare con Sport e Salute, nonostante con loro avesse firmato un mese fa il perimetro di un contratto di servizio (che non ha presentato).

    Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 003 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 003

     

    Ha così annunciato il distacco a proprio favore di 110 dipendenti da Sport e Salute, a cui negherà il logo, il marketing (leggi gli sponsor, quindi soldi) ma soprattutto la "casa": «Si trovi una sede», lo sfratto di Malagò a Sabelli, che pochi giorni fa aveva chiesto al Coni un affitto da 1,479 milioni, ignorando che gli spazi di Palazzo H (e stadio dei Marmi), di proprietà del vecchio Iusm, sono in comodato al Coni fino al 2032.

     

    Come non bastasse, Malagò dopo la casa, toglierà al "nemico" Sabelli anche la macchina: le auto aziendali in uso sono frutto di un accordo Coni- Toyota, i dirigenti di Sport e Salute non le avranno più. Sabelli ci è ovviamente rimasto di sasso, ha denunciato «toni inaccettabili» e poi accusato Malagò di fare tutto ciò per un solo motivo: «La nuova policy sui biglietti sembra l' unica motivazione alla base di un così repentino cambio di atteggiamento» (ma nei posti riservati al cerimoniale di Stato, Sport e Salute ha invitato al derby il loro controllore della Corte dei conti).

    Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 001 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 001

     

    Una cosa è certa: un mese fa Malagò era lo sconfitto della nuova legge di riforma dello sport voluta dal governo gialloverde. Ora ha la forza per andare alla guerra. In mano, carte nuove servite dal governo giallorosso.

     

    Intanto il "nemico" Giorgetti, padre della riforma che al Coni ha tolto la gestione della cassa, è uscito dall' esecutivo. La delega allo sport è stata affidata a Vincenzo Spadafora: un M5S convinto, per l'ala oltranzista del Movimento una garanzia di continuità. Su cui però Malagò ritiene di poter fare leva, grazie al passato di forte vicinanza con Italia Futura del suo amico Montezemolo. In più al Mef, al posto di Tria (nominato in quota Lega), è subentrato Gualtieri, un dem d' acciaio. Non una scelta secondaria: proprio il Mef è azionista unico di Sport e Salute. Per questo intorno a Sabelli, lì imposto da Giorgetti, l' aria è pesante. E c' è chi immagina un suo passo indietro.

    spadafora spadafora

    Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 005 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 005 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 009 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 009 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 007 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 007 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 008 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 008 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 011 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 011 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 010 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 010 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 004 Giovanni Malago' Foto Mezzelani GMT 004 giorgetti sabelli giorgetti sabelli rocco sabelli rocco sabelli

    Vincenzo Spadafora Vincenzo Spadafora SPADAFORA CONTE E GIORGETTI SPADAFORA CONTE E GIORGETTI vincenzo spadafora vincenzo spadafora vincenzo spadafora vincenzo spadafora vincenzo spadafora vincenzo spadafora GRASSO SPADAFORA GRASSO SPADAFORA Vincenzo Spadafora Vincenzo Spadafora spadafora di maio spadafora di maio vincenzo spadafora marco mengoni vincenzo spadafora marco mengoni vincenzo spadafora marco mengoni vincenzo spadafora marco mengoni vincenzo spadafora ivan cotroneo vincenzo spadafora ivan cotroneo vincenzo spadafora maria elena boschi vincenzo spadafora maria elena boschi vincenzo spadafora mattarella vincenzo spadafora mattarella vincenzo spadafora papa francesco bergoglio vincenzo spadafora papa francesco bergoglio VLADIMIR LUXURIA E VINCENZO SPADAFORA VLADIMIR LUXURIA E VINCENZO SPADAFORA vincenzo spadafora foto di bacco (2) vincenzo spadafora foto di bacco (2) vincenzo spadafora sottosegretario di stato alla presidenza del consiglio (2) vincenzo spadafora sottosegretario di stato alla presidenza del consiglio (2) luigi di maio vincenzo spadafora luigi di maio vincenzo spadafora Vincenzo Spadafora Pietro Dettori Alfonso Bonafede Riccardo Fraccaro Vincenzo Spadafora Pietro Dettori Alfonso Bonafede Riccardo Fraccaro

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie