• Dagospia

    SPUTTANATA E MAZZIATA - I VIDEO INTIMI DI UNA 40ENNE DI BRESCIA SONO DIVENTATI PUBBLICI E PASSATI DI CHAT IN CHAT, INSIEME AL SUO NUMERO DI TELEFONO. NON SOLO: LO STUDIO PER CUI LAVORAVA L’HA LICENZIATA PER DANNO DI IMMAGINE - LA PROCURA HA ISCRITTO 3 PERSONE NEL REGISTRO DEGLI INDAGATI: A FAR GIRARE IL FILMATO HANNO CONTRIBUITO ANCHE POLIZIOTTI E CARABINIERI - I VIDEO ERANO STATI INVIATI A UN UOMO CON CUI LA DONNA AVEVA UNA RELAZIONE...


     
    Guarda la fotogallery

    Da https://www.ilfattoquotidiano.it/

     

    revenge porn revenge porn

    Alcuni suoi video intimi che dovevano rimanere privati sono invece diventati pubblici sul web e nelle chat, compreso il suo numero di telefono.

     

    La donna vittima di revenge porn, una 40enne di Brescia, ha avuto il coraggio di denunciare tre uomini alla Procura: ora risultano indagati. In un supplemento di denuncia la 40enne ha poi fornito altri nominativi e contatti di chi avrebbe contribuito a far girare i video, allegando anche screenshot di chat di poliziotti e carabinieri nelle quali i video hot sono girati: nessuno degli uomini delle forze dell’ordine ha sporto denuncia. Intanto la donna bresciana è stata licenziata da uno degli studi per i quali lavorava per “danno d’immagine”.

    revenge porn revenge porn

     

    I video hot, come spiega Il Giornale di Brescia, risalgono ad alcuni anni fa e sono stati girati dalla stessa donna che li ha inviati a un uomo con il quale aveva avuto una relazione. Invece di rimanere privati, sono però stati diffusi online. Anche il numero di cellulare della 40enne è passato di chat in chat varcando anche i confini nazionali: avrebbe infatti ricevuto telefonate anche dal Sudamerica. Il datore di lavoro che ha deciso di allontanare la professionista dal suo studio ha spiegato di ricevere in ufficio chiamate da uomini che chiedevano della donna “senza far riferimento alla problematica da affrontare e senza lasciare recapito telefonico”.

    revenge porn revenge porn

     

    Intanto la Procura di Brescia nei giorni scorsi ha iscritto tre persone nel registro degli indagati per revenge porn. Ora gli inquirenti sono al lavoro anche sul nuovo materiale portato in Procura dalla donna: screenshot che dimostrerebbero come, passando di chat in chat, quei video intimi siano arrivati anche a poliziotti e carabinieri che hanno commentato senza però mai fermarne la diffusione.

    revenge porn revenge porn

     

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie