• Dagospia

    L'APPELLO DEL “BRITISH MEDICAL JOURNAL”: “BISOGNA LEGALIZZARE LE DROGHE. IL REGNO UNITO È ORA IL PIÙ GRANDE ESPORTATORE AL MONDO DI CANNABIS LEGALE, MA L'USO RICREATIVO E MEDICINALE È CRIMINALIZZATO. IL COMMERCIO DI DROGHE VALE 236 MILIARDI: INVECE DI ALIMENTARE IL CRIMINE, PERCHE’ NON USARE QUEI SOLDI PER FINANZIARE I SERVIZI PUBBLICI?”


     
    Guarda la fotogallery

    Da “Libero quotidiano”

     

    MARIJUANA MARIJUANA

    Depenalizzare tutte le droghe, bloccando così un proibizionismo che rappresenta una seria minaccia per la salute pubblica. Non lo sostengono solo i fan della cannabis o i partiti, come i Radicali, che hanno fatto una battaglia su questo tema.

     

    Ma a dirlo è l'autorevole British Medical Journal, rivista della British Medical Association, che ha invitato i medici britannici a far sentire la propria voce, criticando duramente le previsioni di spesa per la repressione del commercio e uso delle droghe illegali nel Paese. «La guerra alla droga costa a ogni contribuente del Regno Unito circa 400 sterline all' anno», ha scritto nell' editoriale Fiona Godlee, direttore della rivista. «Il Regno Unito è ora il più grande esportatore al mondo di cannabis legale, ma l' uso ricreativo e medicinale è criminalizzato.

    MARIJUANA MARIJUANA

     

    La Scozia ha il più alto tasso di morti per droga in Europa, il doppio rispetto a 10 anni fa. Il commercio mondiale di droghe illecite vale 236 miliardi di sterline, ma questo denaro alimenta il crimine organizzato e la miseria. Perché», si chiede, «non dovrebbe invece finanziare i servizi pubblici?». Per il Bmj le leggi sulla droga stanno danneggiando la salute. «Criminalizzare le sostanze», ribadisce, «alimenta un traffico illecito che mette in pericolo chiunque sia coinvolto».

     

    MARIJUANA MARIJUANA

    Non è la prima volta che il giornale inglese prende posizioni scomode (è favorevole all' eutanasia), e stavolta sulla droga libera ha riscosso i consensi di parecchie associazioni mediche. «Non si tratta di stabilire se la droga è una cosa buona o cattiva», si legge nell' editoriale, «è una posizione basata sull' evidenza scientifica, in linea con un approccio di salute pubblica al crimine violento».

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie