• Dagospia

    MARINA BERLUSCONI, IL NUOVO LEADER DI FORZA ITALIA - E’ STATA LEI A SEDARE I MALUMORI DEL CAV DOPO IL MANCATO AUMENTO DELLE PENSIONI A MILLE EURO, COME CHIESTO DA FORZA ITALIA. SEMPRE LEI PLACO’ IL PADRE DOPO LA MANCATA PARTECIPAZIONE DEGLI AZZURRI ALL’ELEZIONE DI LA RUSSA A PRESIDENTE DEL SENATO - SORGI: “MARINA È LA PRIMA A SAPERE CHE IL DISAGIO DEL PADRE È PSICOLOGICO. IL CAV SI SENTE EMARGINATO. ANCHE MELONI DOVREBBE RIFLETTERCI PIÙ SERIAMENTE: L'AMAREZZA DI BERLUSCONI POTREBBE PRESTO PASSARE DALLA DIMENSIONE PERSONALE A QUELLA POLITICA, SFUGGENDO ANCHE ALL'ATTENTO CONTROLLO DI MARINA”


     
    Guarda la fotogallery

    Marcello Sorgi per “la Stampa”

    silvio e marina berlusconi silvio e marina berlusconi

     

    Adesso in tanti hanno ricominciato a dire che il vero leader di Forza Italia è Marina Berlusconi, la figlia prediletta del Cav. Che martedì, dopo un pranzo con il padre, lo ha convinto a non riaprire il negoziato con Meloni sulle pensioni minime e sulla legge di stabilità. Era stato il vicepremier e ministro degli Esteri Tajani lunedì sera a dire «sì» alla manovra, seppure a denti stretti, perché l'aumento delle minime si è fermato a 570 euro, lontano dai mille promessi da Berlusconi in campagna elettorale, e anche dai 600 che per l'ex premier sarebbero stati la soglia minima presentabile.

     

    SILVIO BERLUSCONI E GIORGIA MELONI NEL 2011 SILVIO BERLUSCONI E GIORGIA MELONI NEL 2011

    Ma subito dopo si era messa in moto l'ala radicale del partito che fa capo alla presidente dei senatori Ronzulli, irritata per aver dovuto dare via libera alla legge di stabilità senza aver potuto neppure sfogliare il testo e le tabelle della legge. Di qui la discesa in campo, da Arcore, del Fondatore, dispiaciuto perché Meloni non lo consulta mai al telefono e deciso a piantare una grana proprio il giorno della conferenza stampa sulla manovra.

     

    meloni berlusconi salvini al quirinale meloni berlusconi salvini al quirinale

    È a questo punto che è entrata in azione Marina. E dopo aver incontrato la figlia, il Cav. ha cambiato idea. Si dirà che non è la prima volta che Marina interviene nei momenti delicati. Ma negli ultimi tempi accade più spesso. L'ultima, prima di questa, è stata dopo il rifiuto di Forza Italia di non partecipare all'elezione di La Russa Presidente del Senato: un'inutile prova di forza, conclusa con la decisione finale di Berlusconi di votarlo, dopo una plateale lite in aula con il candidato di Fratelli d'Italia. In passato toccava a Confalonieri e a Gianni Letta, peraltro non sempre d'accordo, il ruolo di massimi consiglieri del Fondatore.

     

    berlusconi meloni salvini al quirinale berlusconi meloni salvini al quirinale

    Ora invece è la figlia a indurlo a una maggiore ragionevolezza. Conoscendolo come solo lei può conoscerlo, è la prima a sapere che il disagio del padre è soprattutto psicologico. Costretto a una vita più controllata ad Arcore, lontano dalla prima linea, il Cav non accetta il silenzio che la premier ostenta nei suoi confronti, facendolo sentire emarginato. Anche Meloni dovrebbe rifletterci più seriamente: perché l'amarezza di Berlusconi, continuando così, potrebbe presto passare dalla dimensione personale a quella politica, sfuggendo anche all'attento controllo di Marina.

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie