• Dagospia

    PIETRO GENOVESE ARRESTATO E MESSO AI DOMICILIARI - IL 20ENNE CHE HA INVESTITO GAIA E CAMILLA A CORSO FRANCIA. ERA UN ATTO ATTESO - LA NOTIZIA È STATA RESA NOTA MENTRE SI STA SVOLGENDO AL FLEMING, NELLA PARROCCHIA DEL PREZIOSISSIMO SANGUE, UNA PREGHIERA PER CAMILLA E GAIA, PRESENTI I GENITORI E GLI AMICI. DOMATTINA ALLE 10,30, NELLA STESSA CHIESA, I FUNERALI


     
    Guarda la fotogallery

     

    (Per l’omicidio stradale, anche nella fattispecie semplice, è sempre consentito l’arresto in flagranza di reato. Nell’ipotesi aggravata dalla guida in stato di ebbrezza alcolica grave o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, l’arresto in flagranza è, invece, sempre obbligatorio. Nel caso di Genovese, visto che si dovevano attendere i test del sangue, l'arresto è stato differito)

     

     

    https://roma.repubblica.it/

     

     

     

    Arrestato Pietro Genovese, il giovane che nei giorni scorsi al volante di un Suv ha investito e ucciso le due sedicenni romane Camilla Romagnoli e Gaia Von Freymann. Per lui sono stati disposti gli arresti domiciliari al termine di una prima serie di accertamenti della Polizia locale di Roma Capitale e sulla scorta della relazione trasmessa all'autorità giudiziaria.

    PIETRO GENOVESE PIETRO GENOVESE

     

     

    La notizia è stata resa nota nello stesso momento in cui si sta svolgendo al Fleming, nella parrocchia del Preziosissimo Sangue, una preghiera per Camilla e Gaia, presenti i genitori, gli amici e per tutti coloro che le hanno amate, una cerimonia iniziata intorno alle 18. E poi, domattina, venerdì alle 10,30, nella stessa chiesa, i funerali.

     

     

    Ma i momenti del dolore vanno di pari pari passo con le indagini. Sono stati dunque presi i provvedimenti attesi nei confronti di Pietro Genovese, iscritto nel registro degli indagati per duplice omicidio stradale e trovato positivo a sostanze stupefacenti e molto oltre i limiti consentiti per quanto riguarda il tasso alcoolico. La dinamica dell'incidente, ricostruita dai vigili urbani di Roma Capitale e consegnata in procura, non sembra lasciare margini di dubbio.

     

     

    gaia von freymann gaia von freymann

    Gaia e Camilla, sabato notte, hanno attraversato la strada, corso Francia fuori dalle strisce pedonali e a semaforo verde per gli automobilisti. Il suv Renault Koleos di Pietro Genovese arrivava a 80 km orari. "Non mi sono proprio accorto di loro, non le ho viste", ha dichiarato al pm. Le due sedicenni vengono travolte e l'impatto le sbalza una a 20 metri e l'altra a 25 dal punto in cui si trovavano per attraversare. Muoiono sul colpo. Pietro Genovese trecento metri dopo si ferma. Il cofano è accartocciato e il motore andato in blocco. Chiama il padre che lo raggiunge immediatamente sul posto e via via comincia a mettere a fuoco quanto accaduto.

     

    "Voglio giustizia, non vendetta" aveva detto la mamma di Camilla al suo legale, l'avvocato Cesare Piraino. "Sono distrutti - ha dichiarato il penalista - . Una famiglia unita, colpita in modo tragico da questa vicenda". Così come la famiglia di Gaia e quella di Pietro, il cui padre ieri si è detto affranto per la morte delle ragazze, prima ancora che preoccupato per le sorti giudiziarie del figlio.

    gaia e camilla investite e uccise a corso francia gaia e camilla investite e uccise a corso francia la macchina di pietro genovese 1 la macchina di pietro genovese 1 camilla romagnoli gaia von freymann 1 camilla romagnoli gaia von freymann 1 la macchina di pietro genovese2 la macchina di pietro genovese2

     

    gaia von freymann 2 gaia von freymann 2 gaia von freymann 1 gaia von freymann 1

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie