• Dagospia

    PISCHELLI BALORDI - UNA SCUOLA VIENE DEVASTATA A ROMA, NEL QUARTIERE APPIO CLAUDIO; DA UNA BABY GANG - SARÀ UN CASO, MA APPENA QUALCHE GIORNO PRIMA, ERANO STATE APPICCATE LE FIAMME PURE AI CASSONETTI DAVANTI ALL’ISTITUTO E MOLTI ABITANTI SI SONO RITROVATI LE AUTO RIGATE E DANNEGGIATE - L'ALTRA SETTIMANA LA BANDA DI BAD BOYS AVEVA MANDATO IN OSPEDALE UN QUINDICENNE…


     
    Guarda la fotogallery

    Alessia Marani per “il Messaggero”

     

    Estintori svuotati e lanciati contro le pareti, vetrate rotte, muri devastati dalle scritte, porte sfondate: è il pesante bilancio del raid vandalico dell'altra notte all'interno della scuola primaria Aldo Fabrizi di via Valerio Publicola, all'Appio Claudio.

    baby gang baby gang

     

    Un fattaccio avvenuto a pochi passi da piazza San Policarpo e dal parco degli Acquedotti, teatro da qualche settimana a questa parte di continue rapine e aggressioni subite dagli adolescenti da parte di una banda di giovanissimi, tutti tra i 13 e i 17 anni di età e composta da cinque/sette elementi.

     

    Per questo, anche per l'incursione all'interno dell'istituto scolastico nel mirino degli investigatori c'è la baby gang ormai incubo del quartiere. Sarà un caso, ma appena qualche giorno prima, il 4 luglio, erano state appiccate le fiamme pure ai cassonetti dell'immondizia sempre in via Publicola, davanti alla scuola. Non basta. Sono state rubate le panchine di una ludoteca e molti abitanti si sono ritrovati le auto rigate e danneggiate.

    baby gang baby gang

     

    «OMBRE SUI TETTI»

    Lunedì sera la segnalazione alla sala operativa della polizia era scattata poco dopo le 23. «Correte, vedo delle ombre, persone che passeggiano sul tetto della scuola. Probabilmente c'è qualcuno, sono almeno in tre, che sta cercando entrare dentro oppure sta scappando via. Si sentono dei vetri infrangersi», spiegava un residente dall'altra parte del telefono.

     

    Quando la volante è arrivata, però, la gang si era già dileguata. Davanti agli occhi dei poliziotti si è spalancato uno scenario di devastazione: tutto ciò che era sulle pareti è stato divelto, vetri e mobili spaccati. Da un primo riscontro, non risulterebbero installati impianti di allarme o di videosorveglianza: per i balordi introdursi è stato, manco a dirlo, un gioco da ragazzi. Sul posto ieri si è recata la Scientifica per i rilievi, in cerca di tracce utili per risalire agli autori dei danneggiamenti.

    baby gang baby gang

     

    MINORI DI 14 ANNI

    L'altra settimana la baby gang aveva mandato in ospedale con il volto tumefatto e le costole doloranti un quindicenne, rapinato di una cassa bluetooth e poi picchiato quando ha tentato di sottrarre dalla presa degli aguzzini anche la bici nuova di zecca. Nello stesso pomeriggio, altri due giovani erano stati affrontati e derubati dei soldi, alcuni anche ricattati: «Ti ridò il cellulare se mi dai 70 euro». I bad boys sarebbero tutti italiani, tra loro forse anche un rom di seconda generazione. Agiscono insieme o per gruppetti separati. Il più cattivo sarebbe anche il più piccolo, 13 anni appena e, quindi, non perseguibile penalmente. Non nuovo a varcare la soglia del commissariato Tuscolano dove il padre, in passato, era andato a riprenderlo più di una volta. Proprio in virtù di questa impunibilità sarebbe il più spavaldo e pericoloso.

    scuola distrutta scuola distrutta

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie