• Dagospia

    “CREDO CHE ROBERTO MANCINI SI SENTA UN GENIO CHE NON RIESCE PIÙ A ILLUMINARE LA LAMPADA” - MARIO SCONCERTI: “HA UN'ALTA CONSIDERAZIONE DI SÉ E LA MERITA MA ORA È COSTRETTO ALLA NORMALIZZAZIONE - CREDO CHE DEBBA ANDARE IN CERCA DELLA FIDUCIA IN SE STESSO, LA DIFFERENZA DELL'ITALIA È SEMPRE STATO LUI, NESSUN ALTRO SUO CALCIATORE. E DEBBA SAPERE CHE CI FIDIAMO ANCORA, SIAMO PERFINO FELICI CHE SIA RIMASTO. MA È TEMPO DI TROVARE UN METODO PIÙ STABILE DI COSTRUIRE LA SQUADRA. ALTRIMENTI NON RIPARTIREMO”


     
    Guarda la fotogallery

    mario sconcerti mario sconcerti

    Mario Sconcerti per il “Corriere della Sera”

     

    Mancini ha un'alta considerazione di sé e la merita. Non prende le sconfitte per quello che sono, spesso un inciampo. Le prende come una discussione su se stesso, un argomento su cui non ha mai avuto dubbi. È stato abituato a essere un'eccezione, nel tipo di gioco anomalo anche per un numero dieci, morbido ma incisivo, costante, e la sveltezza con cui diventava improvvisamente pratico.

    roberto mancini 2 roberto mancini 2

     

    Ora è come costretto alla normalizzazione, per lui un cambiamento profondo. La «vergogna» del risultato è molto più evidente delle ragioni che lo hanno maturato. Credo che il suo primo desiderio oggi sarebbe scomparire, ma anche questo sarebbe un limite. Il tempo da aspettare per dimostrare che c'è stato un equivoco è indeterminato. È questo non poter guidare bene il proprio destino a farlo soffrire. Non dipendere come sempre dal proprio talento, ma da qualcosa che lo costringe ad aspettare.

     

    roberto mancini roberto mancini

    La certezza che per molti anni non si potrà fare niente. Credo si senta un genio intaccato che non riesce più a illuminare la lampada. È vero che tutto è utile, anche saper perdere, ma è una sensazione di misura che Mancini poche volte ha avuto. Si spiega così la sua frenesia di ricerca, le ondate di nuovi giocatori che s' inventa ogni volta. Sembrano esperimenti da ago nel pagliaio, come scambiare la magrezza per opportunità. Difficilmente è così, spesso più che la costruzione si migliora la confusione.

     

    roberto mancini 1 roberto mancini 1

    Ma oggi tutto è un suo diritto proprio perché i doveri sono finiti. Scuotere l'albero gli dà almeno la sensazione che la terra sia buona. Mancini ha bisogno di giocatori e in parte li ha. Se si cercano amichevoli inutili si ottengono risultati inutili. Ma l'Italia, anche oggi, se fosse al Mondiale, passerebbe il turno in qualunque girone.

     

    roberto mancini roberto mancini

    Credo che Mancini debba andare in cerca soprattutto della fiducia in se stesso, la differenza dell'Italia è sempre stato lui, nessun altro suo calciatore. E debba sapere che ci fidiamo ancora, siamo perfino felici che sia rimasto. Ma è tempo di asciugarsi le lacrime e trovare un metodo più stabile di costruire la squadra. Altrimenti non ripartiremo .

    roberto mancini roberto mancini

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie