• Dagospia

    E POI C'E' IL GIUDICE DI VELLETRI CHE CREA UN PERICOLOSO PRECEDENTE - UN'INFERMIERA NO VAX, DIPENDENTE DELLA ASL ROMA 6, SOSPESA NELL'OTTOBRE SCORSO PERCHÉ SI ERA RIFIUTATA DI SOTTOPORSI ALL'OBBLIGO DI VACCINAZIONE PREVISTO PER LA CATEGORIA, È STATA RIAMMESSA IN VIA TEMPORANEA AL LAVORO - IL GIUDICE HA FATTO RIFERIMENTO ALLA "RILEVANZA COSTITUZIONALE DEI DIRITTI COMPROMESSI E...


     
    Guarda la fotogallery

    Edoardo Izzo per "la Stampa"

     

    INFERMIERA NO VAX INFERMIERA NO VAX

    Nel giorno in cui il Governo vara il super Green Pass ed estende l'obbligo della terza dose di vaccino anti-Covid per tutti gli operatori sanitari, una sentenza del giudice del Lavoro di Velletri crea un imbarazzante precedente. È stata infatti riammessa in via temporanea al lavoro l'infermiera Adele Passerini, dipendente della Asl Roma 6, sospesa nell'ottobre scorso perché si era rifiutata di sottoporsi all'obbligo di vaccinazione previsto per la categoria. Ora il colpo di scena.

     

    NO VAX NO VAX

    Il giudice del lavoro di Velletri, Giulio Cruciani, con un decreto cautelare del 22 novembre scorso, ne ha disposto la riammissione al lavoro. Nel provvedimento il giudice «ordina alla Asl l'immediata ricollocazione della ricorrente presso la Centrale Sats di Marino (centro in provincia di Roma)» e «l'erogazione dello stipendio a suo favore». Il giudice fa inoltre riferimento alla «rilevanza costituzionale dei diritti compromessi (dignità personale, dignità professionale, ruolo alimentare dello stipendio)» aggiungendo che «la sospensione dal lavoro può costituire solo l'extrema ratio e un evento di portata eccezionale in una azienda medio grande».

    NO VAX NO VAX

     

    «Il tribunale con questa ordinanza riafferma con chiarezza il diritto al lavoro a fronte di una sospensione che non può fare riferimento al diritto alla salute - afferma l'avvocato David Torriero, difensore della donna - se sono state proprio le decisioni del Governo a stabilire che lo stesso è garantito attraverso il ricorso ai tamponi ogni 48 ore». La Regione Lazio conferma a La Stampa la storia della donna, ma fa sapere che «sono attualmente in corso verifiche per chiarire i contorni della vicenda».

     

    manifestanti no green pass a roma 2 manifestanti no green pass a roma 2

    Tanti i messaggi sui social in sostegno dell'operatrice sanitaria. «Abbiate fede, vi avevo detto che era questione di tempo e di perseveranza. Ecco la prova», il commento soddisfatto della senatrice ex grillina Bianca Laura Granato (Alternativa C'è), sanzionata nei giorni scorsi per essere entrata a Palazzo Madama senza Green Pass. Il caso dell'infermiera Passerini sarà affrontato nel merito nell'udienza già fissata per il prossimo 7 dicembre.-

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie