• Dagospia

    UNA BOCCATA D’ARIA - I MEDICI DELLA "NORTHWESTERN MEDICINE" DI CHICAGO HANNO ESEGUITO UNO DEI PRIMI TRAPIANTI DI ENTRAMBI I POLMONI SU UN PAZIENTE COVID UTILIZZANDO GLI ORGANI DI UN DONATORE CHE AVEVA CONTRATTO LA MALATTIA E CHE È MORTO IN CIRCOSTANZE DIVERSE MESI DOPO LA GUARIGIONE: IL RICEVENTE, UN OPERATORE SANITARIO 60ENNE ATTACCATO ALLA VENTILAZIONE MECCANICA, SI STA RIPRENDENDO – MA L’INTERVENTO NON È PRIVO DI RISCHI VISTO CHE…


     
    Guarda la fotogallery

    DAGONEWS

     

    trapianto polmoni pazienti covid a chicago 1 trapianto polmoni pazienti covid a chicago 1

    I medici di un ospedale di Chicago hanno eseguito con successo uno dei primi trapianti di entrambi i polmoni su un paziente Covid-19 utilizzando gli organi di un donatore che in passato aveva contratto la malattia.

     

    I chirurghi della Northwestern Medicine hanno raccontato che il paziente, un operatore sanitario dell'Illinois sulla sessantina, ha contratto il coronavirus nel maggio 2020. Alla fine le sue condizioni sono precipitate a tal punto da essere collegato a un macchinario per la ventilazione meccanica per sopravvivere. Nel febbraio 2021, è stato trasferito alla Northwestern Medicine, dove è stato inserito nella lista dei trapianti.

    trapianto polmoni pazienti covid a chicago 2 trapianto polmoni pazienti covid a chicago 2

     

    Il donatore è un uomo che aveva avuto il coronavirus in forma lieve, ma è morto in seguito in circostanze non collegate al virus.  «Questa è una pietra miliare per il trapianto di polmone - ha detto in un comunicato stampa il dottor Ankit Bharat, professore associato di chirurgia presso la Northwestern che ha eseguito il trapianto - A oggi, 30 milioni di americani hanno avuto il Covid e molti di loro sono registrati come donatori di organi. Se diciamo loro "no" solo perché in passato hanno avuto il covid, ridurremo drasticamente il numero di donatori. E già così esiste un grande divario tra domanda e offerta».

     

    polmoni covid e fumatore 4 polmoni covid e fumatore 4

    Tuttavia, ci sono rischi che derivano dall'utilizzo dei polmoni di un donatore che ha avuto la malattia. Lo scorso autunno, una donna del Michigan ha contratto in modo grave il covid dopo che le sono stati trapianti dei polmoni “infetti”. Due mesi dopo è morta.

     

    Per assicurarsi che ciò non si verificasse con il loro paziente, il team della Northwestern ha testato il liquido polmonare del donatore per assicurarsi che gli organi avessero eliminato il virus ed eseguito una biopsia polmonare. «Se il tampone e il liquido polmonare sono entrambi liberi dal virus e la biopsia polmonare conferma che non ci sono danni permanenti ai polmoni, possiamo essere sicuri della qualità dei polmoni del donatore - ha detto Bharat - Il nostro primo paziente ha ricevuto polmoni belli e sani e si riprende a un ritmo ottimale».

    coronavirus polmoni coronavirus polmoni

     

    Dall'inizio della pandemia, la Northwestern Medicine stima di aver eseguito 14 trapianti di polmone doppio su pazienti covid, il più alto numero degli Stati Uniti.

    tac di polmoni sani e colpiti da covid tac di polmoni sani e colpiti da covid POLMONITE POLMONITE coronavirus effetto sui polmoni 7 coronavirus effetto sui polmoni 7 coronavirus polmoni coronavirus polmoni

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie