• Dagospia

    MERITIAMO IMPRENDITORI MIGLIORI - BLITZ DELLA GUARDIA DI FINANZA IN UN'AZIENDA AGROALIMENTARE MARCHIGIANA, CHE SFRUTTAVA OLTRE 50 DIPENDENTI, QUASI TUTTI STRANIERI E RICHIEDENTI ASILO - I LAVORATORI, CHE ABITAVANO NELL'AZIENDA, ERANO COSTRETTI A LAVORARE PER 12 ORE AL GIORNO, SENZA GIORNI FERIE O MALATTIA, NONOSTANTE AVESSERO CONTRATTI DI ASSUNZIONE PER 4-5 ORE DI LAVORO GIORNALIERO - L'INDAGINE È PARTITA DOPO CHE UN EX DIPENDENTE ERA STATO LICENZIATO DOPO UN GRAVE INFORTUNIO SUL LAVORO…


     
    Guarda la fotogallery

     

    caporalato caporalato

    (ANSA) - Nell'ambito di un'operazione anti-caporalato nel Fermano, denominata "Tempi supplementari", il Gruppo di Fermo della Guardia di finanza ha scoperto in un'azienda operante nel settore agroalimentare, oltre 50 dipendenti sfruttati. Le indagini, delegate dalla Procura di Fermo, sono ancora in corso.

     

    Dagli accertamenti fin qui svolti, tra i quali un blitz all'alba sul luogo di lavoro, è emerso che la situazione era molto diversa da quella in regola che emergeva dalla documentazione esibita dai lavoratori: a fronte di contratti di assunzione per 4-5 ore di lavoro giornaliero, la maggior parte dei lavoratori, alcuni abitualmente dimoranti nell'azienda, era costretta a lavorare circa 12 ore al giorno, con pausa pranzo di mezz'ora, senza possibilità di assentarsi per ferie o esigenze personali.

     

    caporalato 2 caporalato 2

    Le perquisizioni, che hanno permesso di acquisire molti elementi utili alle indagini anche da dispositivi informatici, sono state eseguite nei giorni scorsi in locali aziendali e abitazioni degli indagati in un procedimento penale per il reato di caporalato. L'attività scaturisce dalla denuncia di un ex dipendente, di origine straniera, licenziato dall'azienda per essersi recato al Pronto Soccorso a causa di un grave infortunio sul lavoro.

     

    caporalato caporalato

    Anche dalle dichiarazioni di altri ex dipendenti è emersa una situazione di grave sfruttamento dell'attività lavorativa e ingiuste condizioni di assunzione imposte da datore di lavoro e presunto caporale approfittandosi dello stato di bisogno dei lavoratori, quasi tutti stranieri e in Italia come richiedenti asilo. In questo modo l'azienda avrebbe ottenuto un forte risparmio sui costi del lavoro, a danno dei dipendenti e delle imprese operanti nello stesso settore.

     

     In collaborazione con l'Ispettorato Territoriale del Lavoro di Ascoli Piceno, sentiti i dipendenti al lavoro. Con l'ausilio dei vigili del fuoco di Fermo e locale Asur, raccolti elementi utili ad accertare il rispetto delle norme su sicurezza e condizioni igienico sanitarie dei luoghi di lavoro.

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie