• Dagospia

    CHE ROSI-CONTE! - L’EX SCHIAVO DI CASALINO PRENDE CARTA E PENNA E SCRIVE A “LA STAMPA” DOPO L'EDITORIALE DI GIANNINI SUL VIAGGIO DI DRAGHI IN LIBIA: “IL MIO INCONTRO CON HAFTAR FU L'UNICA CONDIZIONE PER OTTENERE IL RILASCIO DEI DICIOTTO PESCATORI. LO RIFAREI” - “TROVO FUORVIANTE RIASSUMERE TUTTE LE INIZIATIVE DI POLITICA ESTERA POSTE IN ESSERE DAI DUE GOVERNI DA ME PRESIEDUTI CON L'IMMAGINE DI UN'’ITALIETTA CHE FINALMENTE SI RISVEGLIA DALLA SBORNIA NICHILISTA, SOVRANISTA E ANTI-OCCIDENTALE DI QUESTI ULTIMI TRE ANNI’” (PECCATO CHE SIA VERO)


     
    Guarda la fotogallery

    1 – CONTE: TORNEREI A BENGASI DA HAFTAR NON FU UNA PHOTO OPPORTUNITY

    Lettera di Giuseppe Conte a "la Stampa"

     

    GIUSEPPE CONTE - LUIGI DI MAIO - GENERALE HAFTAR GIUSEPPE CONTE - LUIGI DI MAIO - GENERALE HAFTAR

    Gentile Direttore, da alcune settimane sono impegnato nel compito di rifondare il Movimento5Stelle, in modo da rilanciarne la carica innovativa e renderlo pienamente idoneo a interpretare una nuova stagione politica. Anche per questa ragione sto evitando di rilasciare dichiarazioni e di intervenire nell' attualità politica.

     

    Ritengo prioritario preparare al meglio una nuova agenda politica, da condividere con la massima ampiezza, che sappia esprimere un progetto di società rispondente ai bisogni più urgenti dei cittadini, ma fortemente proiettata su un modello di sviluppo che coinvolga anche le generazioni future.

    al serraj haftar giuseppe conte al serraj haftar giuseppe conte

     

    Ma sono costretto a intervenire per correggere alcune falsità riportate nel lungo editoriale, che Lei ha offerto ai lettori del suo giornale il giorno di Pasqua, dedicato ai vecchi e ai nuovi scenari di politica estera del nostro Paese, con particolare riguardo al conflitto libico, dal titolo «Italia e Libia. Un atlante occidentale».

     

    massimo giannini a dogliani massimo giannini a dogliani

    Non posso tacere perché queste notizie false, essendo attinenti alla politica estera perseguita dall' Italia negli ultimi anni, non riguardano solo la mia persona, ma anche un buon numero di nostri professionisti, della filiera diplomatica e dell' intelligence, che hanno condiviso gli sforzi e profuso grande impegno in questa direzione. Non entro, peraltro, nel merito delle varie considerazioni da Lei formulate. Sono sue, opinabili valutazioni.

     

    Non Le scrivo per aprire una discussione sui complessi scenari di geo-politica. Ma trovo palesemente fuorviante riassumere tutte le iniziative di politica estera poste in essere dai due governi da me presieduti con l' immagine di un'«Italietta che finalmente si risveglia dalla sbornia nichilista, sovranista e anti-occidentale di questi ultimi tre anni».

    CONTE CON HAFTAR CONTE CON HAFTAR

     

    Sono rimasto colpito dall' incipit del Suo editoriale. Con un accorto espediente retorico ha messo in relazione tre notizie: la prima vera, la seconda e la terza completamente false.

    La prima notizia, vera, è che «Dopodomani Mario Draghi volerà in Libia». Questa notizia è seguita da un suo commento, pienamente legittimo: «è una missione cruciale, non solo per la difesa del nostro interesse nazionale, ma in parte anche per la ridefinizione del nuovo Ordine Mondiale, la riaffermazione dei valori dell' Occidente, la ricostruzione del ruolo dell' Europa».

    PESCATORI SEQUESTRATI IN LIBIA 5 PESCATORI SEQUESTRATI IN LIBIA 5

     

    Subito dopo ci sono due notizie false, che non riguardano solo me personalmente quanto la politica estera perseguita dall' Italia. Queste due falsità sono precedute da un suo commento molto malevolo: «Le ultime pezze a colori improvvisate da Giuseppe Conte nel Corno d' Africa e nella Penisola Arabica hanno portato più malefici che benefici».

    La prima falsità: «I due incontri ad Abu Dhabi con Mohammed bin Zayed, tra il novembre 2018 e il marzo 2019, furono talmente inutili sul dossier libico che lo sceicco emiratino diede ordine ai suoi diplomatici di non organizzargli mai più altri colloqui con l' Avvocato del Popolo».

     

    GIUSEPPE CONTE KHALIFA HAFTAR GIUSEPPE CONTE KHALIFA HAFTAR

    La seconda falsità: «Il blitz a Bengasi del 17 dicembre 2020, organizzato come uno spot di bassa propaganda solo per riportare a casa i pescatori mazaresi previa photo-opportunity con Haftar, è stato ancora più imbarazzante».

     

    La prima notizia è smentita dal fatto che dopo le date che Lei ricorda ho avuto ulteriori colloqui con lo sceicco Mohammed bin Zayed, che hanno confermato non solo l' eccellente rapporto personale instaurato, ma anche le ottime relazioni tra i nostri due Paesi.

     

    Mi permetta poi di sottolineare che la sua falsità suona davvero ingenua: in pratica ha tentato di convincere i Suoi lettori che lo sceicco emiratino avrebbe informato solo lei che non avrebbe più accettato colloqui con il sottoscritto, quando invece abbiamo sempre operato, anche a tutti i livelli della filiera diplomatica e di intelligence, nella reciproca consapevolezza che i nostri rapporti fossero molto buoni.

     

    abdul hamid mohammed dbeibah 2 abdul hamid mohammed dbeibah 2

    La seconda falsità è non meno sorprendente, in quanto già all' epoca dei fatti chiarii che volai in Libia non per piacere, ma perché fu l' unica condizione per ottenere il rilascio dei diciotto pescatori.

     

    L' ho fatto. Lo rifarei. Dopo un lungo negoziato e dopo avere respinto altre richieste che giudicai non accoglibili, atterrai all' aeroporto di Bengasi, dove Haftar mi accolse e firmò in mia presenza il decreto di liberazione dei diciotto pescatori.

     

    MARIO DRAGHI E GIUSEPPE CONTE MARIO DRAGHI E GIUSEPPE CONTE

    Quanto alla photo opportunity, caro Direttore, la informo che ho ricevuto più volte Haftar a Roma, anche nel pieno di quest' ultimo conflitto libico. Aggiungo che non troverà in giro nessuna mia foto con i pescatori: a loro e a tutti i cittadini di Mazara ho mandato un saluto a distanza. Ho evitato di incontrarli proprio per non dare adito a speculazioni inopportune.

     

    Ma vedo che con Lei questa premura, ancora a distanza di tempo, non è servita.

    I 18 pescatori DI mazara IN LIBIA I 18 pescatori DI mazara IN LIBIA

    Concludo. Ci auguriamo tutti che il viaggio del premier Mario Draghi in Libia possa rivelarsi utile. Il dossier libico rimane strategico per gli interessi italiani ed europei ed è estremamente rilevante negli equilibri geo-politici mondiali. Non credo che nessuno abbia difficoltà ad aderire al suo auspicio che questa possa essere la svolta che l' intero mondo occidentale attende da anni.

    giuseppe conte mohammed bin zayed al nahyan giuseppe conte mohammed bin zayed al nahyan

     

    Ma non serve e non vale a rafforzare questi auspici la denigrazione di chi è venuto prima.

    Gentile Direttore, Lei e l' intero gruppo editoriale a cui il Suo giornale fa riferimento avete abbracciato convintamente una causa. Ora, non dico che debba fidarsi di me.

    Ma dia retta almeno a un raffinato stratega quale Talleyrand, che ai suoi collaboratori raccomandava sempre: «Surtout pas trop de zèle» («Soprattutto non troppo zelo»). Quando si eccede in fervore si rischia di servire male la causa.

     

    2 – Italia e Libia, un atlante occidentale

    Massimo Giannini per “La Stampa”

     

    CONTE E DI MAIO CON HAFTAR CONTE E DI MAIO CON HAFTAR

    Dopodomani Mario Draghi volerà in Libia. Incontrerà il nuovo responsabile del Consiglio presidenziale, Mohamed al Menfi, e il nuovo primo ministro ad interim, Abdul Dbeibah. È la prima vera missione a Tripoli di un capo di Stato straniero e soprattutto di un premier italiano, dopo le ritirate indecorose e i falsi movimenti di questi anni.

     

    conte haftar conte haftar

    Ed è una missione cruciale, non solo per la difesa del nostro interesse nazionale, ma in parte anche per la ridefinizione del nuovo Ordine Mondiale, la riaffermazione dei valori dell’Occidente, la ricostruzione del ruolo dell’Europa. Il senso sta nelle parole con le quali il presidente del Consiglio ha annunciato l’iniziativa in Senato il 24 marzo, alla vigilia del Consiglio Ue: “In Libia l’Italia difende i propri interessi internazionali e la cooperazione.

     

    Se vi fossero interessi contrapposti, non dobbiamo avere timori reverenziali verso qual che sia partner. Nel corso della mia vita mi pare di aver dimostrato estrema indipendenza nella difesa dei valori fondamentali dell’Europa e della nazione”.

    giuseppe conte claudio descalzi mohammed bin zayed al nahyan giuseppe conte claudio descalzi mohammed bin zayed al nahyan

     

    C’è un gigantesco strappo geo-strategico da ricucire. Le ultime pezze a colori improvvisate da Giuseppe Conte nel Corno d’Africa e nella Penisola Arabica hanno portato più malefici che benefici. I due incontri ad Abu Dhabi con Mohammed bin Zayed, tra il novembre 2018 e il marzo 2019, furono talmente inutili sul dossier libico che lo sceicco emiratino diede ordine ai suoi diplomatici di non organizzargli mai più altri colloqui con l’Avvocato del Popolo.

     

    Il blitz a Bengasi del 17 dicembre 2020, organizzato come uno spot di bassa propaganda solo per riportare a casa i pescatori mazaresi previa photo-opportunity con Haftar, è stato ancora più imbarazzante. L’ultimo premier che volò di persona a Tripoli fu Mario Monti, poco più di nove anni fa.

    abdul hamid mohammed dbeibah abdul hamid mohammed dbeibah

     

    E questo arco temporale dà già la misura di quanto terreno abbiamo perso in quell’area. Era il 23 gennaio 2012, e il Professore portò in dono all’allora presidente Abdurrahin al-Keeb una testa di Domitilla trafugata a Sabratha nel ’69 e 15 fuoristrada da pattugliamento per i pozzi petroliferi. Poca cosa, rispetto alle attese. E soprattutto rispetto ai predecessori Berlusconi e D’Alema, che più di tutti gli altri e per motivi completamente diversi erano quasi di casa in Libia (le immagini ufficiali dei due erano esposte al Museo Assaraya Alhamra del Castello Rosso).

     

    Il Cavaliere, nella sua nuova residenza romana di Villa Grande, custodisce ancora due volumi in pelle di foto che lo ritraggono con tutti i capi delle quasi 100 tribù libiche. Volò a Tripoli tra il settembre del 2008 e l’agosto 2009, a suggello dell’amicizia personale con Gheddafi e nonostante le aspre polemiche suscitate in Europa dalla liberazione di uno dei terroristi condannati per la strage di Lockerbie. Ci tornò il 13 giugno 2010, con tanto di visita nella tenda del Rais montata all’interno della caserma Bad el Azyzyia, per negoziare la liberazione di tre motopescherecci siciliani. E poi il 29 novembre 2010, per il vertice Africa-Europa e subito dopo le clamorose rivelazioni di Wikileaks sulle relazioni pericolose del dittatore.

    GIUSEPPE CONTE E MARIO DRAGHI GIUSEPPE CONTE E MARIO DRAGHI

     

    Dalla caduta del regime innescata dalle bombe della “coalition of the willing” guidata da Sarkozy, a parte i viaggi estemporanei dei ministri degli Esteri di turno (da Gentiloni a Di Maio), i nostri capi di governo si sono tenuti alla larga da quel delicatissimo crocevia di intrighi diplomatici, dividendi economici e disastri umanitari.

    GIUSEPPE CONTE E KHALIFA HAFTAR A PALAZZO CHIGI GIUSEPPE CONTE E KHALIFA HAFTAR A PALAZZO CHIGI

     

    La stessa cosa hanno fatto i leader europei e i penultimi presidenti americani. Questa ignavia la stiamo pagando cara, in ogni senso. Per l’Italia, c’è il costo della provvista energetica (da quei deserti l’Eni continua a pompare quasi il 30 per cento delle sue attività) e il prezzo della destabilizzazione politica (su quei territori si è consumata la frattura tra Tripolitania e Cirenaica, la guerriglia tra le milizie e la mattanza dei migranti in transito dal Continente sub-sahariano).

     

    Per la Ue e gli Usa, c’è la perdita di ruolo strategico e di presidio “fisico” di una zona del pianeta che vede specularmente risorgere un doppio sogno imperiale: da una parte quello russo, dall’altra quello ottomano.

     

    lUIGI dI MAIO E GIUSEPPE CONTE IN LIBIA lUIGI dI MAIO E GIUSEPPE CONTE IN LIBIA

    Approfittando dell’eclissi italiana in epoca Lega-Stellata, del declino dell’asse Merkel-Macron e dell’America First trumpiano, Putin e Erdogan hanno trasformato il Mediterraneo nel teatro di una inedita, reciproca “volontà di potenza”. Mosca ha piazzato i contractor della Wagner e avviato la costruzione del “vallo di Putin” per proteggere a Est i pozzi della “mezzaluna petrolifera” dai raid dei generali ancora fedeli a Sarraj. Ankara ha dislocato le sue truppe scelte e ottenuto in concessione il porto di Misurata.

     

    PESCATORI SEQUESTRATI IN LIBIA 5 PESCATORI SEQUESTRATI IN LIBIA 5

    Noi, nel frattempo, abbiamo fatto poco o niente. Niente per difendere il Mare Nostrum dalle influenze esterne delle “democrature” asiatiche illiberali. Niente per supportare la fragilissima tregua libica e l’ancora più fragile governo provvisorio ma unitario di Dbeibah. Niente per far pesare i nostri principi e i nostri interessi in una partita globale nella quale, insieme a Russia e Turchia, giocano potenze intermedie come l’Egitto, gli Emirati, il Qatar, mentre sullo sfondo si ridefiniscono i rapporti e le sfere di influenza tra sunniti e sciiti.

     

    PESCATORI SEQUESTRATI IN LIBIA 1 PESCATORI SEQUESTRATI IN LIBIA 1

    La “Pace di Abramo” del 15 settembre 2020, in fondo, è anche e forse soprattutto questo: il tentativo di stabilire la suprema armonia tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti sedendosi al tavolo degli affari, e contrastando così la filiera dello sciismo che parte dal Libano, incrocia la Siria e arriva fino al Grande Iran.

     

    Ecco perché la missione di Draghi è importante. Si salda alla ripresa delle relazioni transatlantiche innescata dalla vittoria di Joe Biden, che dopo i deliri autarchici di Trump punta a rimettere finalmente la “chiesa americana” al centro del villaggio globale. Riflette a sua volta una nuova centralità dell’Italia, impegnata in una collaborazione-competizione con gli alleati europei che insistono sugli stessi terreni, confliggono sugli stessi business, inseguono le stesse concessioni di “Oil and Gas”.

    HAFTAR E GIUSEPPE CONTE HAFTAR E GIUSEPPE CONTE

     

    Non possiamo aspettarci risultati immediati, nel rilancio di un Piano italiano per la ricostruzione politica, istituzionale, economica e sociale della Libia, che permetta il consolidamento del processo democratico e lo svolgimento ordinato delle elezioni del prossimo 24 dicembre. Meno che mai possiamo aspettarci il via libera a un Piano euro-americano per la liberazione del Paese dalle presenze militari straniere, la ripresa dell’industria petrolifera, la repressione dei nuclei residui di terrorismo jihadista, la gestione dei flussi migratori nel pieno rispetto dei diritti umani.

     

    abdul hamid mohammed dbeibah abdul hamid mohammed dbeibah

    Ci vorrà tempo, perché l’Italia possa tornare a essere tanto forte e credibile da convincere l’America a fidarsi e l’Europa a riprendersi il suo Mare. Arrestare una spia dei russi, e gonfiare il petto di fronte a Washington, non basterà a farci perdonare la sbandata putiniana del primo governo gialloverde, tra cene leghiste al Metropol e brindisi salviniani sull’annessione della Crimea o l’attacco all’Ucraina. Ma almeno questo possiamo riconoscerlo: è un buon inizio, per l’Italietta che finalmente si risveglia dalla sbornia nichilista, sovranista e anti-occidentale di questi ultimi tre anni.

    I PESCATORI ITALIANI RAPITI IN LIBIA LIBERATI I PESCATORI ITALIANI RAPITI IN LIBIA LIBERATI

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie