• Dagospia

    MARA-MEO! IL CT DELL'ITALBASKET, MEO SACCHETTI TAGLIA IL FIGLIO BRIAN DALLA LISTA DEI 12 CHE DA DOMANI SARANNO IMPEGNATI NEI MONDIALI IN CINA: “CHI LA SENTE MIA MOGLIE... MA LA DECISIONE E’ LA PIU’ GIUSTA PER LA NOSTRA SQUADRA” – NON È SEMPLICE IL RAPPORTO TRA GENITORI E FIGLIO NEL BASKET: IL DIVERBIO TRA DINO E ANDREA MENEGHIN NEL ’96 - MENTRE NEL CALCIO SIMEONE PADRE NON VUOLE ALLENARE IL FIGLIO GIOVANNI...


     
    Guarda la fotogallery

    Domenico Latagliata per ''il Giornale''

    meo e brian sacchetti meo e brian sacchetti

     

    Le malelingue possono tornare nel loro cantuccio. Meo Sacchetti - di professione ct della nazionale italiana di basket, oltre che allenatore di Cremona - ha deciso ieri di escludere suo figlio Brian e Giampaolo Ricci dalla lista dei dodici che da domani saranno impegnati in Cina in occasione dei Mondiali della palla a spicchi. «Sono scelte chiare - ha spiegato il coach -. Loro due ci hanno dato una grossa mano quando Gallinari e Datome erano fuori per infortunio: ora che si sono ripresi, le mie decisioni sono diventate quasi obbligate. Sicuramente sono le più giuste per la nostra squadra».

     

    meo e brian sacchetti meo e brian sacchetti

    Così, al termine di settimane in cui Sacchetti Jr è stato definito «raccomandato» dai soliti sapientoni, la scelta di papà è stata quella di mantenere nel gruppo Filloy, ovvero un playmaker in più rispetto al contributo che suo figlio avrebbe potuto garantire vicino a canestro. La realtà è che soltanto chi non ha mai conosciuto i Sacchetti poteva pensare che alla base della convocazione ci fosse un legame di parentela. «Con mio figlio sono sempre stato più duro che non con gli altri giocatori - ha confermato più volte Meo -. Non gli ho mai regalato nulla e, anzi, a volte gli ho riconosciuto meno meriti di quanti sarebbe stato giusto fargli». Peraltro i due hanno lavorato insieme per anni anche a Sassari («ma non avevo chiesto io di tesserarlo», avrebbe poi spiegato il babbo), dove hanno anche vinto uno storico scudetto.

     

    meo e brian sacchetti meo e brian sacchetti

    E quando Meo ha esordito sulla panchina azzurra, a Torino nell' ottobre 2017 contro la Romania, proprio Brian fu tra gli ultimi esclusi. «Il nostro è sempre stato un rapporto molto chiaro e diretto le parole del 33enne giocatore oggi a Brescia -. Nessuno ne ha mai approfittato». «Dall' altra è logico che... avrò dei problemi con mia moglie», ha infine scherzato il ct.

     

    dino e andrea meneghin dino e andrea meneghin

    Non è comunque sempre semplice, il rapporto tra genitori e figlio. Per rimanere al basket, un diverbio tra Dino e Andrea Meneghin avvenne nel 1996, quando il padre (team manager) rimproverò il figlio (giocatore, infortunato e colpevole di stare leggendo il giornale a bordo campo) prima di un' amichevole tra Italia e North Carolina. In casa Boston Celtics, invece, coach Doc Rivers ha avuto per quattro anni alle sue dipendenze il figlio Austin prima di spedirlo a Washington: «La cosa migliore per tutti». Passando invece al calcio, a fine giugno Zinedine Zidane ha tagliato Luca, il figlio portiere, mandandolo in prestito al Racing Santander. E nel 2017, per gradire, anche l' altro figlio Enzo aveva lasciato i Blancos con il papà alla guida.

    dino e andrea meneghin dino e andrea meneghin

     

    C' è poi chi non ci pensa nemmeno all' idea di avere il sangue del suo sangue tra i piedi, ovvero El Cholo Simeone che disse a chiare lettere che non avrebbe mai voluto «allenare Giovanni: è molto difficile avere un figlio nello spogliatoio». Ci aveva invece provato, al Barcellona, Johan Cruijff con Jordi: rapporti complicati, prima del trasloco allo United. Zero problemi invece tra Cesare e Paolo Maldini: del resto sull' immensità di quest' ultimo nessuno ha mai osato mettere becco.

    meo e brian sacchetti meo e brian sacchetti meo e brian sacchetti meo e brian sacchetti

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie