• Dagospia

    MODELLO ORBAN – MATTIA FELTRI SPERNACCHIA GIORGIA MELONI PER LE SUE LAMENTELE AL MINISTERO DELL'INTERNO DOPO LE CONTESTAZIONI SUBITE IN PIAZZA: “È TUTTO MOLTO GIUSTO E COMPRENSIBILE, PERLOMENO NELL'ACCEZIONE DI DEMOCRAZIA PROMOSSA DA ORBAN, LA DEMOCRAZIA ILLIBERALE DIFESA DA MELONI – ORBAN HA RADUNATO SOTTO IL SUO CONTROLLO OLTRE 500 FRA EMITTENTI TV, GIORNALI E SITI, E COSÌ, SE QUALCUNO CONTESTA, NON C'È NESSUNO A RACCONTARLO…”


     
    Guarda la fotogallery

    Mattia Feltri per “La Stampa”

     

    contestazione a giorgia meloni a caserta contestazione a giorgia meloni a caserta

    In Italia succedono delle cose terribili. Le più terribili degli ultimi giorni sono le contestazioni a Giorgia Meloni. Va così: lei indice un comizio in una piazza e arrivano quattro o cinque giovinastri a farle una pernacchia e a esporre due cartelli. Intollerabile! E infatti la nostra molto democratica e molto infastidita leader si è rivolta al ministero dell'Interno per sapere il perché e il percome e domandare se non sia il caso di prendere contromisure. Cioè impedire ai contestatori di contestare.

     

    giorgia meloni e viktor orban giorgia meloni e viktor orban

    È tutto molto giusto e comprensibile, perlomeno nell'accezione di democrazia promossa da Viktor Orbán, la democrazia illiberale difesa da Meloni perché in fondo Orbán è stato eletto: che volete di più? Uno viene eletto e poi fa come diavolo gli pare. Nel caso in questione, Orbán ha radunato in un'unica struttura e sotto il suo controllo oltre cinquecento fra emittenti tv, giornali e siti, e così, se qualcuno contesta, non c'è nessuno a raccontarlo: tutti già impegnati a raccontare quanto è ganza l'Ungheria.

     

    giorgia meloni con viktor orban giorgia meloni con viktor orban

    Diciamo che chiedere al ministro dell'Interno di impedire contestazioni in piazza è oltre lo stravagante: la piazza è il luogo in cui nasce la democrazia, attraverso il dissenso pubblico, e senza dissenso non c'è democrazia. È imbarazzante dover scrivere certe cose, alla mia età pensavo si potesse passare ad argomenti appena più sofisticati, e temo sia anche abbastanza inutile.

     

    Allora mettiamola così, oltre che stravagante è prematuro: Meloni, a differenza di Orbán, non è ancora stata eletta. Lo sarà presto, e allora non avrà nemmeno l'incomodo di dover sollecitare il ministero dell'Interno, perché sarà suo.

    contestazione a giorgia meloni a caserta contestazione a giorgia meloni a caserta GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN ORBAN E MELONI ORBAN E MELONI viktor orban e giorgia meloni atreju 2019 viktor orban e giorgia meloni atreju 2019 MELONI ORBAN URSO MELONI ORBAN URSO VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie