• Dagospia

    TRUMPONE PREDICA BENE E RAZZOLA MALE: I SUOI HOTEL IN USA E CANADA LICENZIANO 1.500 PERSONE - IN QUESTO PERIODO, A CAUSA DELL’EPIDEMIA DI CORONAVIRUS, SONO CHIUSE LA MAGGIOR PARTE DELLE STRUTTURE A NEW YORK, NEL DISTRICT OF COLUMBIA, MIAMI, A CHICAGO, LAS VEGAS, VANCOUVER E HONOLULU…


     
    Guarda la fotogallery

    Dal “Corriere della Sera”

     

    donald trump hotel letto donald trump hotel letto

    I dipendenti della Trump Organization non passano momenti facili: in 1.500 sono stati licenziati negli hotel in Usa e in Canada a causa dell' epidemia da coronavirus. In questo periodo sono chiuse la maggior parte delle strutture a New York, nel District of Columbia, Miami, a Chicago, Las Vegas, Vancouver e Honolulu. Il resto degli alberghi operano a ritmo ridotto.

     

    Normalmente le proprietà del presidente generano un introito di 650.000 dollari al giorno.

    Nella contea di Palm Beach in Florida la compagnia non ha pagato l'affitto di aprile di 54.534,25 dollari su terreni che sono di proprietà statale. «Vista la situazione il governo locale ci ha consigliato di aspettare per vedere le nuove decisioni», ha detto Alan Garten, manager della Trump Organization.

    il celebre hotel plaza di new york il celebre hotel plaza di new york

     

    Il 25 marzo, quando il golf club di Palm Beach ha chiuso i battenti, il direttore finanziario dell' organizzazione in Florida, Ed Raymundo, ha scritto un' email alle autorità locali chiedendo «come bisognava comportarsi con gli affitti visti i tempi difficili».

    Ad aprile le proprietà di Trump avranno un debito di 1,8 milioni di dollari in tasse locali.

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie